Homeland, Vikings, Cobra Kai: le serie tv d'azione più belle su Netflix

La famosa piattaforma Netflix ha il compito di farci sognare ad occhi aperti ed intrattenerci nei momenti di noia. E così ha fatto durante quel lungo periodo caratterizzato dal Coronavirus. È difatti risaputo che oramai sono sempre di più gli utenti che si rivolgono alle piattaforme streaming per guardare film o serie tv. Su queste è possibile guardarne davvero di ogni genere. Tra le più belle vi sono “Peaky Blinders”, “Baby”, “After Life”, “Vis A Vis”, “The Witcher”, “La Casa di Carta”, “Suburra”, “Narcos”, “Dark”, “Lucifer”, “The Order”, “You”, “Tredici”, “Sabrina”, “Lucifer” e “Black Mirror”. Ma anche “Young Wallander”, “Away”, “The Dutchess”, “Ratched”, “Jake Whitehall”, “How to get away with murder”, “Grace e Frankie”. Ma anche alcune “meno conosciute” come Homeland, Vikings, Cobra Kai. 

 

Homeland, Vikings, Cobra Kai: le trame delle tre più interessanti serie tv d’azione

Iniziamo subito parlando di Homeland. Questa ha una trama molto dinamica: trattasi della storia di Nicholas Brody, il sergente della Marina dato per disperso, per ben otto anni. Dopo un lungo periodo passato come prigioniero in Iraq, l’uomo torna a casa come un eroe ma c’è qualcuno che non crede alle sue parole: la brillante ma imprevedibile agente della CIA Carrie Mathison.

Vikings, invece è la più rinomata tra le tre ed è una famosa serie tv canadese ambientata nel IX secolo. La sua storia mette al centro le avventure del grande guerriero vichingo Ragnar Lothbrok (Travis Fimmel, C’era una volta Steve McQueen, Dramland, The Beast) nell’intento di esplorare il mondo attraversando le acque dell’oceano.

Per chiudere in bellezza vediamo invece Cobra Kai. Questa si svolge ben 34 anni dopo gli eventi narrati dal primo film della serie Karate Kid ed altro non è che il proseguimento della vita del “cattivo” Johnny Lawrence. Da pupillo dell’upper class di All Valley, Lawrence è divenuto un fallito di mezza età che vive alla giornata.