down di rete

Il lungo periodo di lockdown ha causato non pochi danni all’economia italiana e non solo. Infatti, sembra che ci siano dei problemi importanti anche alla rete con dei down abbastanza frequenti e che hanno lasciato migliaia di consumatori senza connessione Internet.
La fase 2 non ha avuto certo ripresa facile e repentina, nonostante l’apparente ritorno alla normalità. Infatti, ad oggi, sono ancora tante le segnalazioni che arrivano da parte di numerosi utenti sui disservizi di rete in varie zone dello stivale. Andiamo quindi a scoprire cosa sta accadendo nelle ultime ore in tutta Italia.

Down di rete: i disservizi di rete sembrano continuare e persistere

Downdetector è la piattaforma designata per la registrazione e il report delle segnalazioni sui down di rete. Funziona 24 ore su 24 e fornisce sempre un quadro generale riguardante tutta la situazione in Italia. Ecco, dunque, quali sono i problemi riguardanti gli operatori telefonici italiani di punta, come TIM, Vodafone, Iliad, Wind e Tre.

  • TIM ha rilevato dei problemi per quanto concerne la connettività Internet fissa e la telefonia mobile. Sono state rilevate più di 40 segnalazioni, in particolar modo nelle città di Milano, Roma, Napoli, Torino, Firenze, Palermo, Bologna, Brescia e Genova.
  • Vodafone, con picchi di oltre 45 segnalazioni all’ora, ha riscontrato molteplici problemi sulla rete Internet mobile e fissa nelle città di Milano, Roma, Torino, Genova, Bologna, Napoli, Firenze, Taranto e Verona.
  • Continuiamo con Iliad. La telefonia mobile ha presentato diversi problemi, soprattutto nelle città di Milano, Roma, Como, Torino, Perugia, Firenze, Parma, Brescia e Foligno.
  • Invece, Wind, ha registrato dei problemi piuttosto importanti per quanto riguarda la rete Internet. Questo nelle città di Milano, Roma, Torino, Modena, Firenze, Battipaglia, Napoli, Brescia e Verona.
  • Infine, concludiamo con le segnalazioni di 3 Italia. Poco più di 10 all’ora, quindi non tante. Queste sono avvenute principalmente a Milano, Roma, Firenze, Napoli, Seregno, Cagliari, Perugia, Bergamo e Genova.