Cartelle esattoriali

Una buona notizia sembra esser giunta per i debitori: da oggi in poi non dovranno più pensare a come onorare i debiti pregressi visto che un maxi condono fiscale è appena intervenuto su essi. Grazie alla decisione intrapresa da poco, diversi milioni di euro di debiti sono stati annullati. Ritenuti non riscuotibili a causa della loro intestazione a soggetti nullatenenti o impossibilitati ad onorare le somme, le cartelle esattoriali a cui questi corrispondono sono comprese in un arco temporale andante dal 2010 al 2019: scopriamo tutti o dettagli.

Debiti pregressi? Addio alle cartelle esattoriali con questa nuova ordinanza

Grazie alla delibera dell’ordinanza n. 28072/2019 è stata stabilita la cancellazione di tutte le cartelle esattoriali inevase riguardanti debiti e contenziosi fino a mille euro. Tra questi sottolineiamo la presenza di: tasse non pagate, bollo auto, more e multe. 

Intrapreso con la finalità di raggiungere la Pace Fiscale, il meccanismo appena citato rientrava nei piani del Governo Conte ma bisogna fare una precisazione in suo merito: con l’ordinanza non subiscono cancellazioni multe, bollo auto e tasse ma bensì i mancati pagamenti che ne hanno fatto scaturire le cartelle esattoriali protratte nel tempo.

Riconducibile ad un condono, lo stesso che è stato attuato lo scorso anno comprende al suo interno anche la Rottamazione Ter 2019, grazie alla quale il soggetto debitore potrà onorare il suo debito senza dover sopportare il costo di interesse e more.

Il cittadino interessato al provvedimento non sarà tenuto ad attuare alcuna richiesta in quanto già applicato in automatico a tutti i casi possibili.