o-harmony-os-android-ban

Huawei ha presentato oggi la sua piattaforma HarmonyOS 2.0 alla conferenza annuale Huawei Developer Conference (HDC) 2020 in Cina. L’amministratore delegato della società, Richard Yu, ha confermato all’evento che Huawei rilascerà smartphone basati su HarmonyOS nel 2021. La prima versione beta di HarmonyOS per smartphone sarà disponibile a dicembre 2020 per gli sviluppatori.

Fino ad ora, Huawei aveva negato di aver intenzione di utilizzare HarmonyOS sugli smartphone. La società ha affermato che il sistema operativo è stato sviluppato per dispositivi intelligenti e non ha intenzione di rilasciarlo presto per i telefoni. Ma sembra che la crescente pressione del divieto degli Stati Uniti abbia costretto l’azienda a velocizzare lo sviluppo del proprio sistema operativo per smartphone.

Huawei, la tabella di marcia ha come obiettivo il 2021

Da maggio 2019, Huawei non può utilizzare i servizi mobili di Google che alimentano i telefoni Android in tutto il mondo. E il mese scorso, dopo che gli Stati Uniti non sono riusciti a rinnovare la loro licenza generale temporanea (TGL), l’azienda ha perso l’accesso al supporto di Google e agli aggiornamenti dei dispositivi meno recenti.

Huawei rilascerà agli sviluppatori la versione beta di HarmonyOS 2.0 per smartphone con SDK, documentazione, strumento e simulatore a dicembre 2020. La società aggiunge che possiamo aspettarci che gli smartphone utilizzino HarmonyOS nel 2021. Richard Yu rivela che la versione iniziale di HarmonyOS 2.0 supporterà dispositivi da 128 KB a 128 MB di RAM. Nell’aprile 2021, Huawei prevede di aggiungere il supporto per dispositivi con RAM più grandi tra 128 MB e 4 GB.

Infine, nell’ottobre 2021, l’azienda aggiungerà il supporto per i dispositivi con 4+ GB di RAM. Tieni presente che HarmonyOS di Huawei è una piattaforma open source, simile ad Android. Quindi puoi considerare il rapporto di Huawei con HarmonyOS simile al rapporto di Google con Android. Anche se Huawei svilupperà HarmonyOS, poiché è una piattaforma open source, Huawei spera probabilmente che altre società possano utilizzarlo sui propri dispositivi in ​​futuro.