IPTV e Sky

Mancano meno di due settimane al ritorno della Serie A e del grande calcio, ma su Sky questo periodo è allo stesso modo pieno di grandi esclusive per gli utenti. Tra Formula 1, motomondiale, tennis ed NBA gli appuntamenti certamente non mancano. Per tutta l’estate ed anche per questo periodo iniziale di settembre, non è un caso se è tornato ad essere popolare la tecnologia IPTV.

Se sino a qualche mese fa, l’IPTV era collegata esclusivamente al sistema dei cosiddetti pezzotti, adesso tante persone stanno scoprendo un nuovo sistema di streaming illegale. Da settimane, infatti, attraverso la tecnologia dei canali VPN i malintenzionati che promuovono l’IPTV sponsorizzano attraverso chat come Telegram o WhatsApp la visione del palinsesto di Sky e di tutte le sue principali esclusive.

 

Sky e Telegram, spopola la nuova tecnologia IPTV ma i rischi sono gli stessi

Anche in questo caso, proprio come per i pezzotti, la dinamica che spinge gli utenti all’adozione di questa tecnologia è il risparmio. Anche in questo caso però le persone non devono sottovalutare i rischi che comporta qualunque strumento di IPTV. Le sanzioni per la visione di Sky attraverso i canali VPN sono le stesse di sempre.

In primo luogo, c’è da considerare la presenza di una multa con un valore che può essere davvero alto, specie per chi è recidivo a tali denunce. Il valore della sanzione oscilla tra i 500 ed i 30mila euro. Inoltre lo streaming illegale IPTV è anche punito con la reclusione in galera per una permanenza minima di sei mesi ed una massima di tre anni.