Negli scorsi giorni il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato di aver deciso di assegnare un contratto di cloud computing miliardario al colosso Microsoft. Stiamo parlando di oltre 10 miliardi di dollari.

Il contratto in questione è stato affidato al colosso nonostante le affermazioni della piattaforma Amazon, secondo cui il Presidente Donald Trump avrebbe influenzato in modo inappropriato il procedimento. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Microsoft ha firmato un contratto con il Dipartimento della Difesa USA da 10 miliardi di dollari

In seguito ad un nuovo sguardo alle proposte relative al contratto denominato “JEDI”, il Pentagono ha ribadito la bontà della scelta di Microsoft. “La proposta di Microsoft continua a rappresentare la migliore opportunità per il governo“, ha dichiarato il Dipartimento in un comunicato. Il contratto però non può ancora dirsi concluso a causa di un ordine del tribunale federale che lo ha sospeso dopo che Amazon ha intentato una causa fondata sulla presunta cattiva gestione dell’offerta.

Il Pentagono ha infatti dichiarato: “Apprezziamo il fatto che, dopo un’attenta revisione, il DoD abbia confermato che abbiamo offerto una tecnologia valida“. Microsoft ha risposto a sua volta: “Siamo pronti per metterci al lavoro e assicurarci che chi di dovere abbia accesso a questa tecnologia, ormai davvero necessaria“.

Il programma JEDI farà si che tutti i rami militari del Dipartimento della Difesa condividano le informazioni in un sistema basato su cloud, potenziato dall’intelligenza artificiale. Il colosso di Seattle Amazon, dalla sua parte, ha affermato di essere esclusa dall’accordo a causa di una “vendetta” da parte di Trump, contro la sua società e il duo amministratore delegato Jeff Bezos.