blocco simTutti ci siamo trovati almeno una volta nella vita nella spiacevole posizione di eseguire il blocco della scheda SIM; la maggior parte delle volte a causa di un furto. Soprattutto nel periodo estivo, durante le vacanze, quando la guardia è bassa e ci si concentra più sul godersi il tempo libero essere vittima del furto del telefono diventa molto facile. In questi casi, se si è certi di non poter recuperare il maltolto, procedere con il blocco della scheda SIM è fondamentale anche per tutelarsi da possibili frodi; ecco come fare a richiederlo.

Blocco SIM: la procedura per ogni operatore

 

  • Blocco WindTre: se si è clienti WindTre basterà chiamare il 159. Una volta entrati in contatto con l’operatore richiedere il blocco immediato della SIM; dopo che l’operatore avrà verificato la vostra identità l’operazione verrà portata a termine. In alternativa è possibile richiedere assistenza dall’area personale del sito internet o dell’applicazione.

 

  • Blocco Vodafone: anche con la compagnia di origine inglese sarà necessario chiamare il numero di assistenza, il 190 in questo caso; si dovrà poi rispondere alle domande dell’operatore, necessarie per verificare l’identità del richiedente, per ottenere il blocco della scheda. Per ottenere una copia della scheda bisognerà poi recarsi presso uno dei tanti centri Vodafone con una copia della denuncia di furto/smarrimento e un documento di identità. Il costo del duplicato sarà di 8 euro.

 

  • Blocco TIM: il numero a cui rivolgersi se si è clienti TIM è il 119. Anche in questo cosa sarà necessario comunicare i dati che verranno richiesti dall’operatore per completare l’operazione. Gli utenti che possiedono un account MyTim potranno invece svolgere l’operazione via internet.