Tesla, Roadster, Elon Musk, Model S, Model 3, Model X, Model Y

Fin dagli albori Tesla si è sempre impegnata nel miglioramento dei pacchi batteria montati a bordo dei propri veicoli, i quali effettivamente vantano un’efficienza ed un’autonomia davvero imparagonabile alle altre auto elettriche, tutto ciò ha reso ovviamente il marchio un leader nel proprio settore.

L’autonomia della auto californiane è sempre stata tra le più alte in assoluto, infatti negli ultimi anni mentre gli altri brand vedevano come limite massimo i 400Km, le auto targate Tesla arrivavano tranquillamente a ben 645Km, una differenza abissale palesata dall’ultima versione di Model S Long Range Plus.

Il debutto porta innovazione

Adesso però che i tempi sono maturi, Tesla deve prepararsi al debutto della nuova Tesla Roadster e del più imminente e imponente Cybertruck, e ovviamente non potrà farlo accontentandosi di quanto ottenuto fin’ora, dal momento che la prima avrà bsiogno di una batteria in grado di sostenere una potenza smisurata, mentre la seconda avrà bisogno di un pacco batterie enorme visto il peso dei carichi che trasporterà.

In parole povere il team di ricerca e sviluppo impiegato sulle batterie di Tesla ha davanti un lavoro mastodontico da svolgere, in modo da poter garantire almeno 1000km per Roadster e più di 800Km per Cybertruck e a quanto pare l’azienda di Fremont ha in pentola importanti novità, le quali verranno presentate al Tesla Battery Day.

In attesa quindi del giorno prefissato non resta dunque che attendere, infatti la nota azienda con CEO Elon Musk non arriverà impreparata, sopratutto a fronte della rivalità con Lucid Motors, la quale secondo gli ultimi rumors ha prodotto un pacco batterie da ben 832Km di autonomia.