corrente elettricaI comuni mattoni utilizzati per costruire edifici potrebbero essere utilizzati per alimentare qualsiasi dispositivo. Un importante passo avanti nella tecnologia di stoccaggio dell’energia. Veri e propri mattoni che diventano batterie e sostituiscono in parte la corrente elettrica.

I ricercatori della Washington University di St Louis, Missouri, hanno scoperto che il materiale economico dei mattoni potrebbe essere convertito in unità di accumulo di energia per contenere l’elettricità, trasformando potenzialmente le case in giganteschi super condensatori.

Il nostro metodo funziona con mattoni normali o riciclati e possiamo anche crearli direttamente“, dichiara Julio D’Arcy, professore di chimica alla Washington University. “In effetti, il lavoro che abbiamo pubblicato nasce da mattoni che abbiamo acquistato a Home Depot proprio qui a Brentwood (Missouri). Ogni mattone costava 65 centesimi.” I ricercatori hanno raggiunto l’impresa utilizzando il materiale che crea il pigmento rosso nei mattoni: ossido di ferro o ruggine.

Alternativa valida alla corrente elettrica, progettati dei mattoni che diventano batterie

Per sfruttare il potenziale di immagazzinamento dell’energia, gli scienziati hanno sviluppato un rivestimento a base di un polimero chiamato Pedot, costituito da nanofibre in grado di penetrare nei mattoni porosi. L’applicazione del rivestimento ai mattoni li ha trasformati in super condensatori. Li hanno poi utilizzati per alimentare una luce LED.

“I mattoni rivestiti con pedot sono elementi costitutivi ideali per fornire energia. Immaginiamo che questo possa essere una realtà quando si collegano i nostri mattoni ai pannelli solari, afferma D’Arcy. “50 mattoni consentirebbero di alimentare l’illuminazione in caso di emergenza per cinque ore. Vantaggiosamente, se un muro di mattoni che funge da super condensatore può essere ricaricato centinaia di migliaia di volte in un’ora.”

C’è ancora molta strada da fare prima che la tecnologia possa essere commercializzata, secondo alcuni esperti del settore. “Dal punto di vista della scienza dei materiali, il lavoro è intrigante e riporta alcune caratteristiche interessanti di questa particolare forma di supercondensatore“, afferma il Prof Richard McMahon, professore di Elettronica di potenza all’Università di Warwick. “D’altra parte penso sia giusto dire che sebbene questo lavoro sia interessante, è molto lontano dall’applicazione pratica“.