notte di san lorenzoLa notte di San Lorenzo è uno degli appuntamenti fissi di ogni estate. Lo spettacolo delle stelle cadenti che si ripresenta annualmente oltre che essere meraviglioso, richiama alla mente un mondo di magia e desideri da avverare. Come sempre accade però la verità su questo fantastico fenomeno è molto più prosaica.

Le Perseidi, questo il nome dello sciame che annualmente attraversa i nostri cieli, non sono altro che i residui lasciati da una cometa in orbita intorno al Sole. La cometa Swift-Tuttle nel suo moto rivoluzionario, quando la traiettoria si avvicina maggiormente alla stella, perde dei pezzi alle sue spalle a causa dello scioglimento del ghiaccio che la compone; da qui nascono le Perseidi, chiamate così poiché il vettore di irradiazione sembra provenire proprio dalla costellazione di Perseo.

Come godersi al meglio la notte di San Lorenzo

 

Per godersi a pieno la notte di San Lorenzo ci sono alcune linee guida di semplice attuazione che possono massimizzare l’esperienza. In primis scegliere la notte giusta; benché le Perseidi attraversino il cielo sempre nello stesso periodo quest’anno il picco di attività viene indicato nella notte tra il 12 e il 13 di agosto.

Un fattore da considerare è il luogo da cui assistere allo spettacolo. Meglio allontanarsi dalla città e favorire luoghi con poco inquinamento luminoso, il mare o la campagna rappresentano le due migliori alternative. Un altro aspetto da non sottovalutare è la pazienza, date tempo ai vostri occhi di abituarsi alle tenebre e soprattuto non staccate mai gli occhi dal cielo, di solito è proprio in quel momento in cui passano le stelle cadenti.