spesaFare la spesa negli ultimi mesi è diventata una vera agonia. Le nuove regole imposte al distanziamento sociale hanno costretto parecchi italiani a ridefinire le proprie abitudini di vita. Anziché munirsi di mascherine, guanti e gel disinfettanti molti hanno scelto di affidarsi a smartphone, mouse e tastiera per gestire i propri acquisti quotidiani. L’impossibilità di mantenere gli obblighi e le lunghe file agli ingressi dei negozi ci hanno spinto a ripiegare su Carrefour ma non senza disagi e polemiche. Ecco che cosa è successo.

 

Putiferio per fare la spesa online: ecco che cosa è successo con Carrefour

Partendo dal fatto che negozi online si siano premuniti di comunicare “eventuali ritardi” è stato impossibile non notare i tempi biblici per la consegna della merce. Nella migliore delle ipotesi l’attesa si è protratta per diverse settimane causa carenza di personale e controlli più rigidi per gli autotrasportatori. A tutto questo si sono sommati i problemi interni come quelli legati al check-out fantasma. Infatti in tanti hanno lamentato la mancanza di prodotti dal carrello a causa della grande domanda che ha mandato tutto sold-out in pochi minuti.

Sempre per questi negozi tanti sono stati i dissapori per quelli che sono apparsi come prezzi assurdi voluti al rialzo dai venditori specie per quanto riguarda presidi medici, gel igienizzanti, prodotti di prima necessità e guanti monouso.

In casa Carrefour non è andata meglio. L’iniziativa per la consegna a domicilio valida al cospetto degli over 65 si è rivelata controproducente per l’immagine dei negozi. Ritardi abissali hanno causato il malcontento generale dei clienti.

Nessuno poteva aspettarsi una simile situazione di emergenza. A partire da queste settimane i big player della GDO e del mercato online hanno ridefinito le loro priorità e la loro catena di distribuzione in modo tale da garantire, in caso di evenienza, un servizio migliore e rifornimenti adeguati alle necessità di tutti.