maglia-smart

Una t-shirt in grado di rilevare i parametri vitali di chi la indossa, la frequenza respiratoria, il sudore e l’elettrocardiogramma? Ancora qualche mese e il sogno diventerà realtà, grazie al progetto portato avanti dalla start-up Let’s Weberable Solutions. La maglietta intelligente sarà lanciata sul mercato nel 2018 con il marchio “Let’s” e sarà in grado di fotografare il nostro stato di salute grazie a particolari sensori serigrafati.

Let’s wearable solution, ecco come funziona la maglia intelligente

Tali sensori tessili non sono altro che fili di tessuto additivati con elementi che permettono la trasmissione dei dati raccolti tramite rete wi-fi a smartphone, tablet o pc direttamente collegati. Così facendo chi indossa la maglietta avrà la possibilità di avere un check up completo del suo stato di salute o dei risultati raggiunti durante l’allenamento. Il progetto di Let’s è decisamente ambizioso e si propone di raccogliere sul mercato un milione di euro, di cui il 70% già concesso da Invitalia (la startup infatti si è già aggiudicata un primo finanziamento partecipando al bando Smart&Start).

La t-shirt potrebbe trovare campo fertile non solo tra gli appassionati di sport e wellness, ma anche in tutte quelle imprese che necessitano di garantire ai loro dipendenti elevati standard di sicurezza. Il prodotto, tutto italiano, è frutto del brevetto di due professoresse dell’Università di Cagliari e di Bologna, Annalisa Bonfiglio e Beatrice Fraboni, da anni impegnate nello studio e progettazione di sensori tessili. Tra orologi, maglie, anelli e moltissimi oggetti per il corpo e per la casa, la nostra salute potrebbe essere sempre più preservata.