cellulari

Il mondo della telefonia continua a svilupparsi progettando smartphone di alta tecnologia con costi piuttosto alti, ma gran parte dei consumatori preferisce sostenere cifre importanti non per gli smartphone di ultima generazione ma per i vecchi telefoni cellulari. Ebbene sì, alcuni esemplari nati tra gli anni ‘80 e gli anni 2000 hanno un valore economico estremamente importante perché sono definiti da collezione.

In tutto il mondo, infatti, ci sono tantissimi consumatori affascinati da questa tipologia di oggetti e pur possedere l’esemplare mancante sarebbero disposti a sostenere qualunque cifra. Ci sono modelli che valgono 100,00/200,00 Euro, ma alcuni modelli della Nokia, dell’Ericsson e della Motorola sfiorano addirittura i 2000,00 Euro.

Nokia, Motorola ed Ericsson super richiesti nel mondo del collezionismo: i vecchi telefoni cellulari valgono fino a 2000,00 Euro

Per quanto riguarda la Nokia e la Motorola i modelli maggiormente ricercati e molto difficili da trovare in buone condizioni e perfettamente funzionanti sono i loro primi due esemplari sviluppati. La Nokia è la prima che alla fine degli anni ‘80 lancia in commercio il primo telefono cellulare, il Mobira Senator. Oggi ha un valore economico di 1000,00 Euro.

Anche il primo esemplare sviluppato dalla Motorola ha un valore economico di 1000,00 Euro e si tratta del DynaTAC 8000X. Ad essere attualmente il modello più costoso, però, è proprio quello dell’Ericsson, il T10, sviluppato negli anni ‘90. Questo modello se completo di accessori, perfettamente funzionante ed è tenuto in buone condizioni vanta un valore economico di 2000,00 Euro.

Nelle varie aste online è possibile vendere il proprio vecchio cellulare trovato in casa nel vecchio cassetto. Con alcuni modelli è possibile riscuotere un bel malloppo.