Whatsapp Gold truffa

WhatsApp rappresenta da anni una costante nelle vite dei cittadini di mezzo mondo. Durante la scorsa primavera, quando è esplosa l’emergenza del Coronavirus, la piattaforma di messaggistica è divenuto ancora più centrale per gli utenti. I lockdown attuati nelle principali nazioni del pianeta, infatti, hanno spostato le comunicazioni esclusivamente sul fronte virtuale.

 

WhatsApp, la chat continua ad essere a rischio per l’elevato traffico

Con le persone rinchiuse in casa, vi è stato un effetto naturale per WhatsApp: il traffico della piattaforma è cresciuto come mai prima. Gli analisti hanno sottolineato un incremento esponenziale dei messaggi, a livelli quasi preoccupanti.

Se la presenza degli utenti su WhatsApp da un lato è stata accolta con grande soddisfazione dal team della chat, dall’altro questa ha portato a nuovi timori. Tanti addetti ai lavori hanno infatti ipotizzato un clamoroso crash del servizio qualora i livelli di traffico dovessero crescere ancora. Basti pensare che Mark Zuckerberg in persone ha espresso le sue perplessità sulla tenuta dei server.

I timori di WhatsApp vanno di pari passo all’attuale situazione Covid. Se in italia ed in Europa, lo scenario sembra essersi attestato durante l’estate, l’esposizione record al virus di paesi come USA, Brasile ed India sta portando a nuovi timori.

I numeri di WhatsApp, nonostante i lockdown si sono allentati in molte aree del pianeta, continuano ad essere di molto sopra la media. Durante il corso di questo 2020, già in svariate occasioni il servizio ha superato la soglia massima di traffico registrata nel 2019 durante l’ultimo giorno dell’anno