Bollo Auto

Tra le tasse più invise agli italiani, bisogna senza alcun dubbio menzionare il Canone Rai e il Bollo Auto.

Negli ultimi mesi si vociferava di una loro possibile abolizione grazie ad una serie di provvedimenti che sarebbero stati attuati dal Mise. D’altra parte, fino ad ora il tutto si è risolto in un nulla di fatto, per motivi soprattutto economici, andando a infrangere i sogni e le speranze di moltissimi contribuenti che volevano vedersi sollevati dal pagare queste imposte.

Nonostante l’anno scorso, non essendo andati verso nuove elezioni, le istanze depositate per un’eventuale discussione delle proposte durante i lavori parlamentari non fossero state annullate, la prospettiva dell’abolizione è sempre più distante.

Bollo Auto e Canone Rai: a che punto siamo per l’abolizione?

Volenti o nolenti, continueremo a corrispondere le due imposte almeno per i prossimi anni. Il Canone Rai garantisce allo Stato un’entrata di circa 1 miliardo di euro, da poter reinvestire in altri settori soprattutto in questo momento così critico. Il bollo auto, invece, è una tassa di pertinenza regionale e vale 6 miliardi ogni anno: questo implica che, privando le Regioni di questa entrata, lo Stato dovrebbe andare a coprire questo ammanco di bilancio, e anche in questo caso non sarebbe possibile soprattutto in questo particolare momento storico.

Le imposte e le tasse già presenti, a meno che non rappresentino un oggettivo ostacolo per famiglie e imprese nel risollevarsi durante il post-lockdown, non saranno rimosse perché non ci si può permettere di privarsi di denaro utile. In alternativa, esistono le varie possibilità di esenzione o riduzione applicate a ciascuno dei due tributi.