reddito-cittadinanza

L’emergenza Coronavirus ha certamente stravolto tutti gli equilibri vigenti da tempo nel nostro stato, infatti a seguito del lockdown imposto dalla necessità di contenere il contagio, molte industrie hanno fatto fatica a ripartire e la penisola ha mostrato un estremo bisogno di aiuto da un punto di vista fiscale.

A seguito quindi di questo contesto così dinamico, anche il famoso Reddito di Cittadinanza andrà incontro ad una riforma, dato ancora più certo visto il suo ingresso a livello del PNR o Piano Nazionale di Riforma, il quale prenderà alcuni punti cardine del sussidio dedicato ai cittadini e li rimodulerà ad-hoc.

Sostanzialmente questo cambiamento avrà come fine ultimo quello di garantire la permanenza in essere del sussidio (la cui durata garantita arriva già fino al 2021) e renderlo più utile ad aiutare chi ne usufruisce ad entrare nel mondo del lavoro.

Cosa cambierà dopo la riforma

In sostanza il governo ha in mente un’ottimizzazione delle liquidità, la quale prenderà luogo in un controllo a doppio check della liquidità usata dall’utente, in particolare si farà un controllo su quanto erogato e su quanto effettivamente usato, tutto a cadenza mensile e semestrale, ciò ovviamente porterà ad una decurtazione adeguata alle effettive necessità dell’utilizzatore, in modo da non recargli danno ma anche da non erogare liquidità non effettivamente necessarie.

Quindi dati alla mano si evince come lo Stato abbia intenzione di gestire in modo molto più fine il denaro, in modo da evitare sprechi e distribuirlo in base alle effettive necessità, fattore determinante per una lunga permanenza del sussidio.