dieselNell’ultimo periodo in rete sono tantissimi i consumatori che si sono effettivamente chiesti se, almeno al giorno d’oggi, è meglio acquistare un diesel o buttarsi a capofitto sull’elettrico. Offrirvi una risposta definitiva non possiamo, poiché ovviamente dipende dalle vostre necessità e dalle possibilità economiche, il nostro compito è di fornirvi un quadro d’insieme e di comprendere cosa scelgono gli altri, ma sopratutto perché.

Questo momento è forse il più propizio per buttarsi nell’acquisto di un’automobile ibrida elettrica, proprio ieri parlavamo della possibilità di godere di un super bonus pari al 26% del valore iniziale del mezzo, grazie alla combinazione di Ecobonus statale ed incentivi regionali. L’acquisto di un veicolo di questo tipo fa anche bene all’ambiente, e ne abbiamo davvero bisogno, dato l’altissimo livello di inquinamento raggiunto, quasi un punto di ritorno che ci sta costringendo ad agire per evitare tantissimi problemi irrisolvibili.

Nonostante le premesse, gli utenti italiani preferiscono ancora il diesel/benzina all’accoppiata elettrico/ibrido, i numeri di vendita non sbagliano e non ingannano, ma quali sono le motivazioni più diffuse?

 

Diesel o Elettrico: ecco le motivazioni degli utenti

  • Costo iniziale – il prezzo del veicolo elettrico è maggiore rispetto al corrispettivo diesel o benzina.
  • Capacità della batteria – la capacità chilometrica è uno snodo fondamentale, un serbatoio diesel può garantire anche 800km con un pieno, l’elettrico si ferma a soli 400km circa.
  • Tempi di ricarica – il rifornimento con il diesel richiede circa 3/4 minuti, con un elettrico saranno necessari almeno 30 minuti per avere la carica della batteria necessaria per riprendere il viaggio.
  • Diffusione delle colonnine di ricarica – per gli utenti, nonostante la rete si stia ampliando, sono ancora troppo poche.