dvb t2Il DVB-T2 è il nuovo standard di trasmissione che migliorerà l’attuale DVB (acronimo di Digital Video Broadcasting), portando con sé il supporto alla risoluzione 8K, una maggiore pulizia del segnale, nonché la possibilità di adottare una maggiore distanza tra antenna e ricevitore. Questi sono solamente alcuni piccoli esempi delle migliorie a cui potremo effettivamente assistere, nell’esatto momento in cui verrà effettivamente adottato.

La motivazione principale, tuttavia, non è un upgrade da un punto di vista tecnologico, quanto la necessità di cambiare hardware proprio per fare spazio alla diffusione del 5G sul territorio. Le frequenze oggi utilizzate dalle emittenti verranno cedute agli operatori telefonici, le quali le utilizzeranno per la rete mobile.

 

DVB-T2: quando entrerà in vigore

Gli utenti avranno tempo fino al 2022 per acquistare un nuovo decoder o TV abilitato al DVB-T2, lo switch non sarà immediato per tutte le regioni del territorio, le prime saranno quelle appartenenti a tutto il Nord Italia, più precisamente il 31 dicembre 2021. Seguite a ruota da Sardegna, Umbria, Campania, Lazio, Toscana e Liguria il 31 marzo 2022, per finire con il Sud Italia il 30 giugno 2022.

 

DVB-T2: come sapere se la TV è compatibile

Verificare la compatibilità è un’operazione davvero molto più semplice del previsto, se avete acquistato il modello in vostro possesso a partire dal 2017, allora sarà sicuramente compatibile con lo standard DVB-T2 (la legge lo impone). Per avere la certezza, le emittenti hanno messo a disposizione canali test, utili proprio per capire lo stato del proprio device; posizionatevi sul 100 o sul 200, se visualizzerà una schermata nera o un messaggio d’errore, sappiate che non è compatibile, in caso contrario verrà mostrato “Test HEVC Main10“, allora potrete dormire sonni tranquilli.