Vulcani

I vulcani sono delle imponenti e possenti montagne naturali i quali sin dall’antichità sono capaci di provocare un grande stupore e fascino a chi le guarda, ma al tempo stesso anche un grande timore. L’energia presente all’interno dei vulcani può essere molto potente e ha la capacità di poter radere al suolo intere civiltà, come è già successo in passato.

I vulcani, un po’ come accade per i monumenti, hanno la straordinaria capacità di diventare simboli indiscussi di una zona in particolare o addirittura di un’intera regione e, come detto prima, possono essere potenzialmente devastatori della natura intera. Scopriamo di seguito una lista dei vulcani più pericolosi presenti sul nostro pianeta.

 

 

Vulcani: una focus completo sulla loro pericolosità, ultima eruzione e molto altro ancora

1. Yellowstone Caldera, Stati Uniti

Yellowstone Supervolcano Eruption Rumors Are Back. Here's What The ...

Posto di grande attrazione turistica, il Parco Nazionale di Yellowstone ha in sé il vulcano più pericoloso al mondo. Questo vulcano di estrema bellezza potrebbe potenzialmente distruggere la parte occidentale degli USA uccidendo circa 90.000 persone, secondo gli esperti.

Diversamente da altri vulcani, questo viene considerato un “super vulcano“, il quale non ha la forma di una montagna ma sembrano delle “calderas”, ossia crateri vulcanici. L’uomo non ha mai osservato l’eruzione di questo vulcano, infatti l’ultima è avvenuta 640.000 anni fa.

2. Vesuvio, Italia

 

Il Vesuvio si sveglia: trenta lievi scosse avvertite in un'ora ...

I precedenti storici del Vesuvio lo rendono indubbiamente uno dei vulcani più potenti e pericolosi al mondo. L’ultima eruzione risale al 1944. Dato importante è sicuramente il fatto che si trova vicino a diverse città, quindi in caso di eruzione potrebbe essere letale per almeno 3 milioni di persone. Si tratta dunque della zona vulcanica che ha maggiore densità in tutto il mondo. Il Vesuvio è l’ultimo vulcano eruttato in Europa nell’ultimo centenario. Un evento famoso su questo vulcano risale al 79 a.C. quando la sua eruzione distrusse Pompei ed Ercolano.

 

3. Popocatépetl, Messico

Popocatépetl è un picco montagnoso ghiacciato posizionato a circa 35 miglia da Città del Messico. Nel raggio d’azione del vulcano vivono circa 9 milioni di persone, quindi non esattamente poche. Il vulcano ha eruttato in tutto circa 20 volte dal 1519 e la sua ultima eruzione risale al 2000. Fortunatamente però, l’evacuazione è stata efficace e si è evitata la possibile catastrofe.

 

4. Sakurajima, Giappone

Sakurajima, il vulcano più attivo del Giappone

In passato questo vulcano, sito in Giappone, formava un’isola, tuttavia a causa dei flussi lavici dell’eruzione avvenuta nel 1914, si è unita alla terra ferma. Molti esperti per mezzo dei suoi alti livelli di attività vulcanica, lo definiscono “il Vesuvio dell’est“. Anche questo vulcano è potenzialmente pericoloso, potrebbe infatti causare almeno 700.000 vittime.

 

5. Galeras, Colombia

Vulcano Galeras (Colombia): nuove emissioni di cenere ...

Il vulcano è sito nella zona meridionale della Colombia e risulta attiva da almeno un milione di anni. La sua eruzione è alquanto frequente e la prima risale al 1580. Come per il Vesuvio, alla base di questo vulcano si trova la città di Pasto con la bellezza di 450.000 abitanti.

Una curiosità su questo vulcano è che, nel 1993, si stava tenendo una conferenza circa i rischi che potevano essere causati dall’eruzione del vulcano stesso, ma il Galeras ha deciso di eruttare tutto d’un tratto uccidendo 3 turisti e 6 scienziati. Dal 2000 la sua eruzione è annuale e causa smottamenti nella regione.

 

6. Merapi, Indonesia

Il Monte Merapi in Indonesia si fa sentire: ha emesso un ...

Il significato di Merapi è montagna di fuoco, infatti tra tutti i vulcani esistenti, è quello che produce più lava al mondo. La sua eruzione è costante dal 1548 e la sua attività risale a 10.000 anni fa. Secondo gli esperti, il vulcano ha portato alla scomparsa del regno Hindu.

I flussi lavici del Monte Merapi arrivano fino ad 8 miglia dalla vetta ad una velocità di 70 miglia all’ora e, dato importante, nel 2010 una sua forte eruzione ha ucciso 353 persone e sfollato più di 300.000 abitanti.

 

7. Nyiragongo, Congo

Nyiragongo - Wikipedia

Uno dei vulcani più attivi sul continente africano è sicuramente il Nyiragongo, famoso anche per i suoi laghi di lava all’interno dei suoi crateri. È il più vasto lago di lava fluida al mondo ed è una vera e propria minaccia per le comunità che vi abitano attorno.

Nel gennaio del 1977 ci fu una violenta eruzione che causò la morte di migliaia di persone. Nel 2002, i flussi di lavici del vulcano, in seguito ad un’eruzione, arrivarono verso la capitale, Goma. I 400.000 mila cittadini della capitale erano stati evacuati, ma comunque ci furono 147 morti e 4.500 edifici distrutti che furono causa di 120.000 sfollamenti.

 

8. Ulawun, Papua Nuova Guinea

blank

Le eruzioni di questo vulcano partono dal suo cratere centrale. Dal 1700 ci sono state ben 22 eruzioni e recentemente ci sono state piccole esplosioni costanti. La sua altezza è davvero impressionante e questo è motivo di paura poiché potrebbe causare danni per un’area di 100 metri quadrati.

 

9. Taal, Filippine

blank

Il vulcano si trova a 31 miglia da Manila, capitale delle Filippine dove risiedono ben 1.6 milioni di persone. Il numero di eruzioni del vulcano è pari a 33 dal 1572 e le sue vittime sono circa 6.000. A distanza di sicurezza ovviamente, è possibile vedere le spaventose eruzioni di questo vulcano.

 

10. Mauna Loa, Hawaii

Il Mauna Loa è il vulcano più grande del mondo ed è uno dei 5 vulcani che ha creato le isole delle Hawaii. È attivo da ben 700.000 anni e la sua ultima eruzione risale al 1984. I flussi lavici non aumentano con velocità eccessiva verso le comunità, ma non è detto che la velocità non possa aumentare. Ad esempio, nel 1950, il villaggio Ho’okena Mauka fu distrutto a causa di una colata lavica. L’eruzione violenta del 1984 invece, si diresse verso la città di Hilo ma non raggiunse gli edifici abitati.