ban WhatsApp

WhatsApp è stata sino a questo momento un punto di riferimento determinante per gli utenti. Attraverso la chat di messaggistica istantanea, infatti, specie nelle fasi più drammatiche dell’emergenza Coronavirus è stato possibile restare in contatto con i propri cari e con i propri amici.

 

WhatsApp, le nuove regole sono rigidissime: il rischio di essere bannati è alto

Nonostante il ruolo determinate per quanto concerne le comunicazioni quotidiane, su WhatsApp in queste ultime settimane si sono verificati anche episodi spiacevoli che hanno minato la sicurezza online degli utenti.

Il team della chat però non si è fatto cogliere impreparato ed ha reagito con il fatidico pugno duro. Gli sviluppatori, per l’occasione, hanno inasprito ancor di più le norme del servizio ed hanno punito con chiusure unilaterali del profilo migliaia di utenti che hanno trasgredito le regole.

La battaglia principale di WhatsApp, durante l’emergenza Coronavirus, è stata quella contro le fake news. Sulla chat di messaggistica istantanea si sono concentrati numerosi finti messaggi relativi alla diffusione del virus. Per le settimane a venire, tutti coloro che condividono notizie fasulle sul Covid rischiano il ban immediato dalla chat.

Grande severità degli sviluppatori vi è anche per lo spam. In associazione alle azioni di censura con la chiusura degli account, in queste settimane con le nuove versioni di WhatsApp è stata anche sperimentato un nuovo meccanismo per la condivisione dei messaggi.

Tanta attenzione vi è infine per i file infetti. Con il traffico crescente, è aumentato anche il numero dei cybercriminali impegnati a diffondere spyware e malware. Anche in questo caso è previsto il blocco immediato del profilo.