IPTV: i modi in cui gli utenti richiedono Sky e DAZN per soli 10 euro

La Serie A è tornata in campo nello scorso weekend ed anche stasera sono previste tre partite in cartello, tra cui il big match tra Atalanta e Lazio. Dopo l’emergenza Covid il campionato è quindi ripartito per quella che sarà una lunga maratona sino all’inizio di Agosto. Per tanti clienti che decideranno di seguire le partite su Sky o su DAZN, altri invece rispolvereranno la tecnologia IPTV.

 

IPTV, per la visione della Serie A non conviene lo streaming illegale

Il pezzotto al giorno d’oggi non gode in Italia della stessa popolarità che aveva solo lo scorso anno. La ripresa del campionato ed anche di altri eventi sportivi come Formula 1, NBA e Champions League stimola però gli appassionati ad attivare un piano di visione illegale. Proprio in questi giorni su Telegram e su WhatsApp si sono moltiplicati i gruppi ed i canali che pubblicizzano lo streaming illegale di Sky.

Il vero motivo del successo dell’IPTV è ovviamente il risparmio. Nonostante i costi decisamente più bassi rispetto ad un abbonamento standard a Sky, però, gli utenti devono fare molta attenzione a due grandi pericoli.  

In primis, come risaputo, per chi si affida alla tecnologia illegale dell’IPTV è prevista una sanzione amministrativa, con un valore che può arrivare (in base alla gravità) sino a 30mila euro. In più, la visione non autorizzata delle pay tv rappresenta nel nostro paese anche un vero e proprio reato penale. Per questa ragione, sempre i trasgressori rischiano anche la reclusione in carcere da sei mesi sino a tre anni.