addio 3GLa rete 3G ha fatto il suo tempo. Ad intuirlo non sono soltanto gli utenti ma anche gli operatori telefonici che valutano uno shutdown anticipato delle antenne che ci hanno servito fedelmente nel corso di questi ultimi anni.

Con una persistenza del segnale di rete 4G prossimo al 100% non ha più senso mantenere in attivo un network che non solo diventa inserviente nei confronti dei dispositivi di ultima generazione ma che somma soltanto ulteriori radiazioni a quelle già in circolo nell’atmosfera.

Tutta l’attenzione dei prossimi anni sarà rivolta al low-cost delle proposte 4G nonché alle rete 5G, nonostante una ferrea pretesa di demonizzazione da parte di singoli e gruppi di manifestanti che protestano con sit-in e manifestazioni di rappresaglia in tutto il mondo. Ecco cosa si deciderà nel corso dei prossimi mesi.

 

Addio rete 3G: spazio assoluto a 4G, 5G ed alla vecchia rete GSM

Le onde radio che siamo costretti ad assorbire ogni giorno potrebbero diventare deleterie. Con gli interventi di ottimizzazione della rete la situazione è migliorata ma occorre rivalutare il ruolo del segnale 3G. Appare antiquato ed inadeguato a garantire una velocità accettabile ed un buon livello di servizio. Gli stessi compiti possono essere asserviti dalle già presenti reti di quarta e quinta generazione che hanno dalla loro un ottimo raggio di velocità e copertura.

A partire da questo mese di Giugno si sono gettate le basi per la portata a compimento dell’opera di ammodernamento dell’infrastruttura 5G che prendendo in prestito le frequenze del DVB TV garantisce l’uso della Gigabit Network ed una ampio margine di sicurezza sull’uso dei dati in rete. Tutte cose che con il 3G non possiamo permetterci.

A ragione della su vetusta natura il processo di obsolescenza programmata della rete è solo questione di tempo. Per chiamate ed SMS (scopri anche la versione 2.0 da attivare sul tuo telefono) useremo la persistente linea 2G mentre per tutto il resto potremo scegliere tra i costi bassi delle tariffe LTE o la velocità e la completezza di servizio del nuovo network 2020.

Comunicheremo la presa in carico della decisione da parte dei gestori in separata sede ed in attesa di ulteriori ragguagli. Seguici per maggiori informazioni attraverso il nostro sito, le app e tutti i nostri canali online.