blank

Una delle componenti fondamentali del nostro smartphone è sicuramente la bateria, indispensabile al suo funzionamento e senza la quale sostanzialmente il device altro non sarebbe che un costosissimo ferma carte.

La batteria dei nostri telefoni in quanto componente elettrochimico e sottoposto a costanti cicli di ricarica e scarica è anche una delle parti del device maggiormente stressata, infatti le continue reazioni chimiche presenti al suo interno, che coinvolgono anodo, catodo ed elettrolita, producono calore, oltre che ad un costante movimento di ioni, che altro non fa a lungo andare che deteriorare la batteria stessa.

In quanto quindi componente attiva, può capitare alle volte che in seguito a traumi chimico-fisici troppo pesanti la batteria possa andare incontro ad esplosione, vediamo insieme le possibili cause.

Le cause che portano all’esplosione

Partendo dal presupposto che molto spesso le cause risiedono all’interno di difetti di fabbricazione, alcune volte anche degli atteggiamenti sbagliati dell’utente possono portare al triste destino esplosivo della batteria, vediamo quali:

  • Rotture interne: Alcune volte determinati traumi fisici possono portare alla rottura interna della batteria, principalmente delle membrane di separazione tra i vari elettrodi, cosa che può portare ad un cortocircuito potenzialmente fatale e quindi poi ad un’esplosione. In definitiva a seguito di una brusca caduta, oltre a controllare lo stato del vostro display, dovreste fare attenzione anche alla batteria, in particolare a: rigonfiamenti, deformazioni, generazione di eccessivo calore, carica e scarica troppo rapide e riavvii improvvisi.
  • Calore eccessivo: Esporre il vostro device a calori troppo eccessivi o a fonti di calore, potrebbe col tempo provocare la rottura delle componenti interne della batterai, con conseguente malfunzionamento della stessa e nei peggiori casi un’esplosione. L’aumento del calore ricevuto da una batteria può portare ad un effetto chiamato Runaway, il quale andando a modificare le reazioni chimiche all’interno della batteria porta ad un ulteriore surriscaldamento, cosa che la batteria ovviamente non è in grado di gestire.
  • Usare un caricatore sbagliato: I carica batterie forniti in dotazione sono sostanzialmente i più indicati a caricare il cellulare e la batteria in esso contenuto, dal momento che forniscono i giusti voltaggio e amperaggio per cui la componente è progettata. Usare un altro caricatore, magari anche di marca scadente, espone la batteria a rischi di sicurezza oltre che a valori di corrente non idonei, cosa che col tempo può danneggiarla.