autorcertificazione-viaggi

Nonostante si sia giunti dal 15 giugno all’avvio della Fase 3, viaggiare in aereo sarà possibile solo se muniti di autocertificazione. L’Italia ha da poco riaperto le frontiere e per garantire il rispetto di tutte le misure di sicurezza previste, sarà necessario rispettare alcune regole. Così l’autocertificazione obbligatoria per poter volare costituirà il lasciapassare per l’imbarco aereo. Il modulo dovrà essere presentato al momento del check in, dunque è vivamente consigliabile che ve lo procuriate prima in modo da consegnarlo compilato.

Al momento l’unica autocertificazione per gli spostamenti aerei è recuperabile on line anche se risulta datata maggio 2020. Nella fattispecie l’autocertificazione è scaricabile dal sito www.esteri.it del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, ma in caso di difficoltà lo si potrà compilare in loco. In alcuni aeroporti la distribuzione è effettuata dal personale addetto all’imbarco, ma può bastare questa versione digitale.

Quali regole si dovranno rispettare a bordo degli aerei?

L’autocertificazione obbligatoria non è l’unica misura di sicurezza che si dovrà rispettare qualora si decida di intraprendere un viaggio aereo. A partire dal 15 giugno, sarà necessario indossare la mascherina e rispettare tutte le indicazioni fornite dagli operatori di volo. Questo è soprattutto importante nelle fasi di imbarco ed uscita dall’aeromobile perché resta la necessità di evitare file ed assembramenti. Per quanto riguarda i bagagli, le valige andranno tutte nella stiva con il rischio che ci finiscano anche i bagagli a mano.

In realtà non sono state ancora rese note le restrizioni relative alla misura dei bagagli che seguono il viaggiatore. Dunque non sappiamo ancora con certezza quali oggetti personali potranno essere imbarcati nel vano passeggeri. Decaduto invece l’obbligo di lasciare vuoto il sedile centrale. Infatti anche le norme sul distanziamento sociale sono diventate più morbide. Per la precisione queste decadono purché venga sempre monitorata la temperatura dei passeggeri all’imbarco e si garantisca il ricambio dell’aria in aereo ogni tre minuti.