Il social network Facebook, per voce del suo stesso fondatore, Mark Zuckerberg ha recentemente annunciato che permetterà, insieme ad Instagram, di disattivare completamente la visualizzazione di post politici sponsorizzati.

Questo per via delle prossime elezioni presidenziali americane, nonostante ancora non sappiamo se e quanto la piattaforma abbia influito nelle scorse elezioni. Scopriamo i dettagli.

 

Facebook permetterà di disattivare i post politici sponsorizzati

L’iniziativa appena annunciata fa parte della campagna promossa dalla piattaforma per cercare di sensibilizzare ed aiutare la popolazione degli Stati Uniti, in vista delle prossime elezioni presidenziali. Quest’ultime, vi ricordo, si terranno il prossimo 3 novembre 2020. Il colosso di Menlo Park sta mettendo su un vero e proprio centro informazioni sul voto, che aiuterà tutte le persone a capire dove e come votare.

Il centro di informazione sul voto, chiamato in inglese Voting Information Center, offrirà anche informazioni su come registrarsi per il voto e su come votare usando la posta. Si potrà addirittura attivare un reminder che ricorderà appunto di andare a votare fornendo indicazioni sul seggio a cui recarsi. Durante un’intervista Zuckerberg ha dichiarato che molte persone vorrebbero che Facebook moderasse o addirittura rimuovesse la maggior parte dei contenuti pubblicati da politici.

La scelta della società è stata quella appunto di permettere eventuali inserzioni politiche a pagamento, ma di permettere allo stesso tempo agli utenti di disattivare la loro visualizzazione. Si potrà farlo in due modi: direttamente su un post politico o nelle impostazioni dell’app. Idem dicasi per Instagram. Non possiamo escludere che in futuro possa arrivare una funzione del genere anche in altri Paesi, Italia inclusa.