auto elettriche costo ricarica

Il settore dell’elettrico a quattro ruote sta crescendo esponenzialmente. Non soltanto nei veicoli, che costituiranno una delle più grosse fette di mercato nell’ambito dei trasporti del futuro, ma anche in tutti i supporti indispensabili a far sì che le auto a motore elettrico possano funzionare e circolare.

Emblematico in tal senso il riscontro ottenuto dall’annuale rapporto dell’International Energy Agency (IEA), nel quale si mostra chiaramente una crescita esponenziale del numero di colonnine per la ricarica delle auto elettriche.

Per la precisione, il dato rivela un aumento del 60% nel numero di elementi nel 2019 rispetto all’anno precedente, contando ben 862.118 colonnine in tutto il mondo.

Colonnine per auto elettriche: un settore in rapida espansione

Uno dei principali ostacoli allo “sdoganamento” dell’auto elettrica come mezzo di elezione nella mobilità dei prossimi anni corrispondeva proprio all’ancora scarsa presenza di supporti per la ricarica.

Questo dato dunque ci rincuora, dimostrando che ci si sta muovendo effettivamente verso questa nuova direzione, che andrà a riguardare sia fare il pieno di energia di EV sia il plug-in per i modelli hybrid.

Nella conta, è stato registrato un sensibile aumento non solo nelle colonnine di ricarica normale (EIA considera tali le stazioni da 22kW o superiori) ma anche per la modalità di ricarica rapida.

Tra i Paesi in cui si è avuto questo boom, la Cina risulta al primo posto, il che dimostra l’intenzione dei governi di investire notevolmente sull’elettrificazione. In Europa, invece, la più avanzata in questi termini risulta la Germania, ma anche in Italia ci si sta muovendo adeguatamente per raggiungere il medesimo obiettivo.