bufaleUna delle tante bufale che hanno preso piede negli ultimi giorni è quella riguardante la rimozione per razzismo di Calimero dal canale streaming Dinsey+. Ad avvalorare la notizia lo screen di un’articolo del Huffpost che la riporta; eppure si tratta di una bufala. Stando alle discussioni scoppiate in seguito alla diffusione della “notizia” le motivazioni a giustificare le presunte azioni della Disney sono state molteplici.

La più curiosa senza dubbio quella legata alla famosa fraseOnce you go black, you’ll never come back”( una volta che provi nero non torni più indietro)  che potrebbe generare polemiche ma che di sicuro non può essere accusata di razzismo. Ma al di la di questo la cosa più divertente, tanto banale quanto fondamentale, è che il cartone animato di Calimero non è mai stato su Disney+.

Bufale: il nuovo colpo di Jhonny Frassu

 

Ma la storia di Calimero presenta qualche curiosità in più. Stando allo screen incriminato l’autore dell’articolo sarebbe tale “Johnny Frassu“; il nome però è ovviamente inventato. Frassu è un termine sardo che significa, in credibile ma vero, falso.

In oltre questo nome è legato anche ad altre bufale, alcune delle quali diventate anche piuttosto famose. Tra le sue “opere” più memorabili vanno sicuramente citate le foto sulla “Caccia ai panda marini” in cui ”  …Pescatori albanesi nella costa della Corea del Nord… “, già questo dovrebbe far riflettere, andavano a pesca di panda “marini” totalmente identici alle proprie controparti terrestri. Ancora la stessa firma posta in calce alla fake news riguardante l’aggressione del senatore Toni Iwobi, membro della Lega, da parte di alcuni attivisti del suo stesso partito per via delle sue origini africane.