Supermercati

Nel mese di maggio, l’autorevole sito Altroconsumo, ha riportato molte segnalazioni di clienti che lamentavano un rialzo dei prezzi dei supermercati nel periodo del lockdown. Le documentazioni e le testimonianze raccolto hanno spinto l’antitrust a richiedere dei chiarimenti ai supermercati stessi. I supermercati che sono finiti nell’indagine dell’antitrust sono i seguenti: Carrefour, MD, Lidl.


Sono state coinvolte nell’inchiesta anche alcune cooperative Conad tra cui  Conad Sicilia, Conad nord-ovest. Anche alcune cooperative Coop sono oggetto di indagine come Coop Firenze, Coop Tirreno, Coop centro-Italia e Coop Liguria. Come si evince dai supermercati appena elencati, non sono stati sottoposti ad indagine quelli  che operano nelle “zone rosse”, questa per lo meno è una buona notizia. I presunti prodotti che avrebbero visto innalzare il proprio prezzo, sono i generi alimentari di prima necessità e i prodotti per l’igiene come guanti e disinfettanti.

L’AD di Conad fornisce la sua spiegazione in merito

Secondo Francesco Pugliese, Amministratore Delegato di Conad, la percezione dei clienti di questo rialzo dei prezzi va ricercato nel modo di fare la spesa. Secondo Pugliese, infatti, nei mesi di marzo e aprile è cambiato il modo di fare provviste dei clienti. Sono stati preferiti prodotti alimentari confezionati che sono notoriamente più cari rispetto a quelli da banco. Le motivazioni sarebbero due. Per prima cosa, si sono ridotti i tempi di permanenza nei supermercati e, in secondo luogo, il prodotto confezionato dava più fiducia e garanzie contro il virus.

Un altro aspetto, che ha voluto evidenziare Francesco Pugliese, riguarda la maggior quantità di spesa effettuata in intervalli di tempo più brevi. Secondo lui, con attività lavorative ferme e scuole chiuse le famiglie hanno consumato di più. Nuclei famigliari al completo per tre pasti al giorno non sono una consuetudine per le famiglie Italiane. Valutando il fatto che ci sono stati risparmi su mense scolastiche e ristoranti, il saldo per le famiglie è stato comunque a zero secondo Pugliese. L’indagine è comunque in corso, vi terremo aggiornati su tutte le novità in merito.