nuova-patrimoniale

Le speculazioni in merito al futuro del Paese sono diverse, così come quelle sull’economia ed il sistema tributario. Non è un mistero che da tempo, oramai, i discorsi siano incentrati sulla possibilità che una patrimoniale possa fare la sua apparsa sebbene Gualtieri stia cercando di evitarlo il più possibile. L’incertezza di ciò che il futuro riserverà all’Italia, dunque, sta creando contrasti tra le forze politiche che dirigono il Paese, le quali sembrano avere idee diverse su come cavalcare la ripartenza ed uscire da una fase difficile.

Patrimoniale: si farà o non si farà? Le forze del Paese sono in contrasto

La necessità di provvedere ad una vera e propria riforma fiscale non è minima: da tempo, oramai, sono diversi gli illustri della politica che ne demandano una assieme all’esigenza di portare la digitalizzazione al massimo così da sconfiggere, una volta e per tutte, la così tanta temuta evasione fiscale. 

Sempre più caldo è il tema riguardante la patrimoniale e la possibilità che una tassa analoga a questa possa subentrare nel sistema tributario italiano. A tal proposito, come anticipato in precedenza, le idee sono contrastanti: da una parte Gualtieri ed i pilastri del Governo stanno cercando di fare il tutto per evitare la creazione della suddetta mentre, dalla parte opposta, le forze politiche stanno spingendo per una possibile tassa personalizzata ispirata al modello tedesco.

Cosa riserverà il futuro al popolo italiano, dunque, è pressoché impossibile da dedurre: si spera, senza ombra di dubbio, che il piano di Gualtieri possa continuare senza interferenze.