blank

La notizia è stata ufficializzata lo scorso 12 giugno 2020, possiamo finalmente annunciare la conferma dell’accordo strategico tra Orange Business Services e Open Fiber.

L’accordo ha come obiettivo la fornitura di servizi a banda ultralarga su rete in fibra FTTH. Scopriamo insieme gli ultimi dettagli e le dichiarazioni dell’operatore wholesale.

 

Orange Business Service sbarcherà presto anche in Italia

Secondo quanto dichiarato dall’operatore wholesale guidato da Elisabetta Ripa, la partnership permetterà la fornitura di applicazioni digitali avanzate di Orange, che comprendono servizi di cloud, data analytics, data management platform e IoT per le aziende, le pubbliche amministrazioni e le comunità cittadine. L’offerta di Orange comprenderà anche servizi di enhanced collaboration.

Quest’ultimi si baseranno anche sul cloud ibrido per facilitare l’interazione tra varie applicazioni su piattaforme differenti. Possiamo considerarlo un ruolo fondamentale quello ricoperto dalle soluzioni per la Smart City, nell’accordo presentato lo scorso 12 giugno 2020. Secondo quanto dichiarato, infatti, le due aziende stanno esplorando offerte in tale ambito per promuovere una migliore gestione delle esigenze delle municipalità.

Un esempio sono l’illuminazione pubblica, dei parcheggi, e del monitoraggio di sicurezza tramite telecamere a circuito chiuso. Ecco un estratto del commento di Elisabetta Ripa: “L’accordo con Orange Business Services testimonia la scelta chiara e inevitabile delle due aziende di puntare sull’FTTH, tecnologia in cui sono entrambe sul podio europeo. La partnership con Orange Business Services è un riconoscimento dell’efficace strategia commerciale che Open Fiber sta perseguendo e del suo ruolo sempre più rilevante nel panorama nazionale e internazionale“. Non ci resta che attendere ancora un po’ per scoprire la data ufficiale dello sbarco in Italia.