facebook

L’obbiettivo di Facebook rimane il medesimo: far sì che gli utenti continuino a rimanere sulla piattaforma il maggior tempo possibile. Il social network sta testando un nuovo sistema per sostituire le ricerche che un qualsiasi utente effettuerebbe su Google o Wikipedia, creando così una navigazione stesso all’interno del social network. Per fare ciò sta testando un pannello laterale che riporta gli stessi risultati che comparirebbero su Google. Per primi risultati presenzierebbero le fonti più autorevoli che ci sono, tipo Wikipedia.

 

Facebook e Wikipedia: oltre alla disinformazione c’è l’interesse del social network di far sì che gli utenti continuino a rimanere attivi

Di fondo l’idea è quella che quando un utente desidera sapere qualche informazione su un film, un atleta e via discorrendo, non esca dal social network come faceva di solito, bensì si affidi alla ricerca di Facebook Search. L’algoritmo successivamente fornirà i risultati che riporteranno a link di pagine personali, fan club, post sul social network e, soprattutto, link all’enciclopedia del web Wikipedia.

A quanto pare, la funzione è già in fase di test per gli utenti iOS, web mobile e desktop. Il social network, ha confermato a TechCrunch, che la funzionalità è stata attivata come test per gli utenti di lingua inglese. Secondo Wired, anche in Italia compare un riquadro informativo di Wikipedia, dove c’è un rimando in lingua inglese.

Al momento la funzione non sembra fungere per tutte le ricerche. Funziona solo con personaggi famosi e lo stesso vale per la politica: se cerchiamo politici minori non li troveremo, ma se per esempio cerchiamo Donald Trump, la nostra ricerca potrebbe andare a buon fine.