Supermercati-spesa online

Da più di un mese, ormai, il nostro paese è entrato ufficialmente nella fase 2 che, di fatto, permetterà ad ognuno di noi di tornare il prima possibile alla normalità. Ciononostante, però, sono ancora in molti gli Italiani a voler evitare assembramenti e contatti troppo ravvicinati. Proprio per questo motivo, quindi, servizi come Esselunga, Carrefour ed Amazon continuano a spingere molto sulla spesa online. Scopriamo di seguito le ultime novità a riguardo.

Esselunga, Carrefour e Amazon: ecco tutti i problemi segnalati

Ad oggi, quindi, la spesa online risulta essere un servizio indispensabile per centinaia di migliaia di consumatori Italiani. Nonostante ciò, però, sono molteplici le criticità riscontrate negli ultimi mesi. Ecco di seguito i dettagli:

  • Esselunga: nonostante gli utenti abbiano fortemente apprezzato l’iniziativa della consegna gratuita per gli over 65, purtroppo la piattaforma di Esselunga dedicata alla spesa online non gode di una buona funzionalità. Molteplici clienti, infatti, hanno segnalato diversi problemi nella selezione dei prodotti che, in alcuni casi, vengono inspiegabilmente eliminati dal carrello.
  • Carrefour: da quanto riscontrato nelle ultime settimane, l’intero sito web risulta essere molto lento tant’è che, molto spesso, capita di attendere diversi minuti per inserire un prodotto nel carrello. In questo caso la consegna è gratuita per tutti i clienti al fronte di una spesa minima di 70 euro.
  • Amazon: attraverso la sezione pantry, Amazon offre un vero e proprio servizio di spesa online. Il principale problema della piattaforma, però, sono i costi, decisamente superiori a quelli disponibili nei classici supermercati. Inoltre se non si è in possesso di un account prime, i costi di consegna risultano essere elevati. Anche in questo caso capita di ritrovarsi con prodotti esauriti al checkout.