Bonus Vacanze

A causa della recente emergenza sanitaria, milioni di Italiani sono stati costretti a sospendere il proprio lavoro, restando a casa per più di due mesi. Con l’inizio della fase 2 finalmente è stata ristabilita, almeno in parte, la normalità. Nonostante ciò, però, negli ultimi giorni sono apparse online parecchie discussioni in merito alle ferie retribuite. 

Stando a quanto sancito dal diritto alle ferie, quindi, “il lavoratore ha diritto […] a ferie annuali retribuite e non può rinunciarvi”. Il diritto alle ferie, infatti, ha come obiettivo quello di permettere al singolo consumatore di soddisfare “esigenze psicologiche fondamentali del lavoratore, consentendo allo stesso di partecipare più incisivamente alla vita familiare e sociale e tutelando il suo diritto alla salute, nell’interesse dello stesso datore” .

Ciononostante, però, questa norma lascia ampio spazio interpretativo e, per questo motivo, sono in molti a chiedersi se nei prossimo mesi sarà possibile usufruire delle ferie retribuite. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Ferie Retribuite: ecco cosa succede dopo il Covid-19

Nonostante l’emergenza Covid-19 abbia costretto milioni di persone a restare in casa, le ferie rappresentano un diritto irrinunciabile per ogni cittadino Italiano. Ciononostante, però, l’articolo 2109 del codice civile stabilisce che il lavoratore ha diritto “ad un periodo annuale di ferie retribuito, possibilmente continuativo, nel tempo che l’imprenditore stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del prestatore di lavoro”. Ciò significa, quindi, che sarà a discrezione del datore di lavoro scegliere il periodo in cui i dipendenti potranno usufruire delle proprie ferie ma, quest’ultimo, dovrà comunicarlo in maniera preventiva.