bici elettricheCon il Decreto Rilancio concesso dal Governo a margine dell’inizio della Fase 2 si sono stabiliti i nuovi criteri per la concessione del bonus mobilità. Tra i canoni della nuova manovra è rientrato il voucher per l’ammortizzatore di spesa su acquisti di veicoli elettrici. Chi compra una bici elettrica (o tradizionale) come anche un monopattino, un hoverboard o segway a partire dal 4 maggio 2020 può scaricare la spesa fino ad un massimo di 500 euro.

Fino ad oggi si è data contezza di un piano di stanziamenti complessivo pari a 120 milioni di euro. Cifra che potrebbe apparire come un ampio margine per la compartecipazione di tutti i cittadini. Ma i timori si sono moltiplicati in considerazione del fatto che ci si potrebbe trovare di fronte ad un “click-day” in vista della pubblicazione della piattaforma di “scarico spesa” da destinarsi ai prossimi giorni.

Considerando infatti una popolazione locale di 60 milioni di abitanti è facile pensare che i fondi si possano esaurire già dopo poche ore. Infatti oltre ai sopra citati sconti ebike esiste anche il bonus rottamazione le cui soglie variano da 500 a 1500 euro per chi si libera di un veicolo inquinante. A conti fatti potrebbe rappresentare un problema.

A tal fine l’Europa starebbe pensando di veicolari nuovi fondi di investimento nel settore e-mobility fino ad un massimo di 20 miliardi di euro. Lo scopo di tali incentivi (da condividere a livello comunitario) non è stato ancora accertato. Di fatto le finalità di utilizzo di tali voucher sono ancora un mistero. Si pensa che tale manovra non rappresenti una via a senso unico per la riduzione delle spese private. Infatti potrebbe rappresentare anche un sistema per il rifacimento di piste ciclabili ed aree pubbliche per l’accesso ai mezzi green.

Ad ogni modo, in attesa di ulteriori informazioni, il Ministero dei Trasporti ha chiarito la situazione in merito all’utilizzo dei bonus attraverso un comunicato che riportiamo integralmente a seguire.

 

Come usare il bonus da 500 euro in attesa di altri soldi in arrivo

“Un contributo fino a 500 euro per l’acquisto di bici, anche a pedalata assistita, e di veicoli per la micromobilità elettrica quali monopattini, hoverboard e segway, o per l’utilizzo dei servizi di sharing mobility. E’ questo il “buono mobilità” che potrà coprire fino al 60% della spesa sostenuta per acquistare il mezzo o il servizio. Per agevolare l’utilizzo delle biciclette si modificherà il Codice della Strada prevedendo la realizzazione di apposite bike lane.

Il provvedimento del Ministero dell’Ambiente di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti punta a incentivare forme di trasporto sostenibili. Queste garantiscano il diritto alla mobilità delle persone nelle aree urbane a fronte delle limitazioni al trasporto pubblico locale operate dagli enti locali per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il buono mobilità spetta ai maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti. Avrà efficacia retroattiva: potranno infatti beneficiarne quanti, avendone i requisiti, abbiano fatto acquisti a partire dal 4 maggio 2020, giorno di inizio della Fase 2.

Per ottenere il contributo basterà conservare il documento giustificativo di spesa (fattura) e, non appena sarà on line, accedere tramite credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). La nuova applicazione web è in via di predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente e accessibile anche dal suo sito istituzionale.”