Virus TAX: le banche non preleveranno i vostri soldi in maniera forzosa

Il COVID-19 ha scatenato una grave crisi nel paese e in varie altre nazioni mondiali, distruggendo ogni forma di economia. Molti utenti però sono rimasti colpiti da una proposta che oda oggi è finita nel dimenticatoio: la virus TAX. 

Questa sorta di obolo avrebbe dovuto riguardare tutti gli utenti con un certo reddito, i quali avrebbero visto una sorta di prelievo forzoso per dare una mano alla nazione. Le somme in denaro sarebbero variate in merito alla fascia di reddito e questo ha scatenato le proteste pregresse di tantissime persone. 

 

Tutti gli utenti che avevano paura della Virus TAX possono stare tranquilli: non ci sarà alcun prelievo forzoso

I cittadini con redditi più elevati di 80.000 euro dovranno versare un contribuito di solidarietà che inciderà sulla parte eccedente tale soglia“, questa fu l’idea proposta da Graziano Delrio e Fabio Melilli, capigruppo del Pd alla Camera e in commissione Bilancio.  “La somma versata sarà deducibile e andrà da alcune centinaia di euro fino a decine di migliaia per redditi superiori al milione. Il gettito atteso è 1,3 miliardi annui“. Questa proposta però spaccò la maggioranza con il no di Italia Viva e Cinquestelle e scatenando le proteste dell’opposizione.

Secondo quanto riportato anche da La Repubblica, il contributo sarebbe dovuto essere del 4% oltre 80.000 euro di reddito, del 5% oltre 100.000 euro, del 6% oltre 300.000 euro, del 7% oltre 500.000 euro, dell’8% oltre un milione di euro.

Arrivati ad oggi non ci sono più possibilità che tutto ciò accada. Tutti possono quindi stare tranquilli visto che nessuno potrà agire con un prelievo forzoso.