Facebook: nuove raccomandazioni per discutere del razzismo in gruppo

Facebook ha deciso di regolamentare i gruppi dove si parla di razzismo e la responsabilità maggiore sarà data ai moderatori e agli amministratori dei gruppi

facebook

Gli sforzi di Facebook per far fronte a un’ondata di tumulti sociali andranno oltre la revisione delle sue politiche. La società ha pubblicato raccomandazioni (tramite The Verge) per gli operatori dei gruppi per aiutarli ad affrontare “problemi razziali e sociali”, come le proteste di Black Lives Matter che attanagliano gli Stati Uniti e numerosi altri paesi. Sono chiaramente costruiti in risposta diretta alle discussioni che diventano sempre più politiche tra l’attivismo antirazzista e le incombenti elezioni presidenziali statunitensi.

 

Facebook: discutere del razzismo nei gruppi sarà regolamentato

Il social network suggerisce che i gruppi dovrebbero avere amministratori e moderatori delle “comunità interessate“, per cominciare. Dovrebbero anche rivedere le regole e delinearle per i membri del gruppo, anche se ciò significa vietare determinati argomenti o richiedere l’approvazione dei post.

Inoltre, Facebook vuole anche che i leader del gruppo siano aperti ai consigli che vengono dati da altri membri. Pertanto, questi potrebbero dover accettare che la natura di un gruppo potrebbe evolversi o addirittura spingere alla creazione di un altro gruppo.

La decisione è un riconoscimento del fatto che le tensioni nei gruppi, e le conseguenti proteste, sono cresciute dopo la morte di George Floyd. Chi amministra i gruppi è alla ricerca di risposte. Allo stesso tempo, è un ulteriore riconoscimento il fatto che gli utenti desiderino che Facebook trascorra meno tempo in disparte in generale: vogliono far sì che la piattaforma sia ancora viva e che risponda alle condizioni mutevoli a cui stiamo andando incontro.