conto corrente fisco pignoramento

Nonostante il nostro paese abbia attraversato un periodo molto difficile a causa dell’emergenza sanitaria Globale, il Fisco Italiano non si è di certo fermato e, negli ultimi mesi, quest’ultimo è riuscito a mettere a segno dei colpi importanti nella lotta all’evasione fiscale. A preoccupare principalmente i consumatori, però, non è il pugno di ferro delle autorità Italiane ma, bensì, la tutela dei loro diritti come contribuenti.

A quanto pare, infatti, ben presto l’Amministrazione Fiscale Italiana acquisirà un nuovo ed importante potere che, di fatto, permetterà di chiudere definitivamente tutte le cartelle esattoriali non ancora saldate. Tutto ciò sarà possibile attraverso il prelievo forzoso dai conti correnti dei cittadini interessati. Scopriamo di seguito ulteriori dettagli a riguardo.

Fisco Italiano: il pignoramento diventa una soluzione per saldare le cartelle Equitalia

Nel corso delle prossime settimane, quindi, l’ente Italiano occupato nella riscossione dei debiti maturati dai consumatori Italiani, otterrà un nuovo potere da utilizzare nel suo operato.

Per saldare definitivamente le cartelle di Equitalia, quindi, ben presto il Fisco Italiano potrà prelevare la cifra inevasa direttamente dal conto corrente del soggetto interessato. Nonostante ciò, però, è importante chiarire alcuni aspetti della questione. Il pignoramento dei beni, infatti, non sarà la prima operazione effettuata dal Fisco. I consumatori interessati, di fatto, saranno avvisati, attraverso un atto di notifica, ben 60 giorni prima dell’operazione. Non si tratta quindi di una soluzione istantanea ma, bensì, rappresenterà una garanzia nel caso in cui tutte le altre opzioni proposte al soggetto non saranno accolte o risulteranno non funzionanti.