amazonSembra che Amazon non stia più comunicando i prodotti acquistati dai suoi utenti inviando loro conferma dell’ordine via email.

Alcuni hanno ipotizzato che la nuova versione abbia il fine di impedire che Amazon raccolga dati sensibili. John Gruber, blogger e sviluppatore di Apple, ha ipotizzato che lo scopo sia invece quello di “contrastare la raccolta dei dati da parte di terzi tramite Amazon“. Dunque, il contrario. Gruber ritiene che questa pratica sia comune a tutti i tipi di società. Inoltre, esiste un “intero settore industriale” che si occupa della raccolta di dati dei clienti. Andrew Chen, che in precedenza ha lavorato per Uber, ha affermato che la raccolta dei dati aveva luogo ma in modo parziale. L’intento era solo ottenere una visione migliore dell’efficacia del servizio offerto.

Amazon giunge a compromessi per rispettare la privacy degli utenti, non saranno più comunicati dettagli sugli ordini via mail

Nel 2017 l’app di gestione della posta elettronica Unroll.me si è scoperto che scansionava le caselle di posta degli utenti alla ricerca di informazioni su Uber. Tali pratiche sono generalmente divulgate nelle politiche sulla privacy, ma i contratti legali vengono letti così raramente che sono essenzialmente inutili per il consumatore. Nate Carrier, product manager di Google che in precedenza lavorava per Amazon, ha twittato che “ha combattuto duramente per Google Maps” ma non poteva implementare tale tecnologia perché “Google sarebbe in grado di influenzare le vendite”.

Mentre Carrier ha anche affermato che Google, in realtà, non viola la privacy in alcun modo, la società ha una storia discutibile quando si tratta di proteggere i dati degli utenti. Infatti, basta pensare allo stato dell’Arizona che sta facendo causa al gigante della tecnologia per incrementare i controlli sulla privacy.