come risparmiare benzina e diesel

Nonostante tutto, nel 2020 sono sempre e solo i consumi di un’automobile a preoccupare gli Italiani. E come dar loro torto, se consideriamo che i carburanti alla pompa costano più che in ogni altro paese in Europa? E se può sembrare sciocco mettere in secondo tutti gli altri fattori che contribuiscono al costo di gestione reale di una vettura, come le gomme, l’olio, l’assicurazione e il bollo, il consumo di benzina è la voce sul bilancio familiare che preoccupa di più.

Potremmo optare per vetture che consumano poco, scegliere motori alternativi o passare al definitivo propulsore elettrico, ma solo le nostre abitudini di guida a inficiare quanto carburante consumiamo. Per questo parleremo oggi di come risparmiare benzina con alcuni piccoli trucchi senza dover più fare sacrifici a fine mese, e sono consigli che valgono anche per migliorare l’autonomia delle auto ibride o a gas.

 

Come risparmiare sulla BENZINA e sul DIESEL

  • In prima istanza vi indichiamo che cambiare le marce con i tempi giusti è fondamentale per tenere bassi i consumi. Infatti oltre alla velocità contano i giri del motore, e tenerli bassi quando si cambiano le marce consente di risparmiare carburante. Il motore può lavorare a regimi ottimali non superando i 2.000-2.500 giri, e cambiare marcia rispettando questo range porterà nei vostri portafogli molti euro a fine anno. 
  • Va da sé che mantenere poi uno stile di guida costante può favorire il risparmio, sconsigliandovi vivamente di sottoporre l’auto a brusche accelerazioni o frenate all’ultimo respiro. Mantenendo una velocità costante e rispettando una adeguata distanza di sicurezza vi permette di toccare il freno poche volte. 
  • Mantenere una velocità di crociera moderata può portare altresì un vantaggio notevole sui consumi, perché se potete raggiungere la vostra meta a 130 Km/h lo potrete fare tranquillamente a 110. Riducendo anche di poco la velocità di crociera potrete portare a casa un 25% di risparmio. 
  • Durante l’estate o l’inverno tendiamo a chiedere all’auto che il clima dell’abitacolo sia sempre ottimale, ma durante il tragitto casa-lavoro o quando si va in vacanza potrebbe portare al consumo maggiore di carburante. L’aria condizionata sottrae mediamente un 10-15% di potenza al motore, così che si pesta di più sull’acceleratore per ottenere la velocità desiderata per un 20% in più di consumi.
  • Soprattutto in vacanza tendiamo a viaggiare con automobili stracariche di tutto il possibile, ma è ovvio che l’automobile in tale configurazione consumerà molta più benzina del previsto per portarvi alla meta. Pianificate bene gli spostamenti con carichi pesanti in relazione al tipo di veicolo che avete in dotazione ed evitate il più possibile di gravare sul peso dell’auto durante l’anno. 
  • Quando si viaggia ad alte velocità anche l’aerodinamica è un fattore determinante, visto che in autostrada tenere un finestrino aperto o dei pacchi sistemati sul tetto genera una resistenza all’aria molto maggiore. Rendere il proprio veicolo più aerodinamico può portare invece a consumare fino al 20% in meno di carburante.
  • Un altro modo per risparmiare è scegliere il giusto timing per fare benzina alle stazioni di rifornimento, così da non farvi prendere alla sprovvista e non incappare mai in costi al dettaglio di gestori poco amichevoli. Meglio quindi dotarsi di un’app che ci indichi quale pompa utilizzare e quando, scaricando dal Play Store quella che più ci piace.
  • Infine, lapalissiano ma va detto, l’automobile va controllata e messa a punto con regolarità. Tenere il motore in condizioni perfette vi allontanerà da brutte sorprese ma anche da consumi inutili, mentre mantenere lo stato degli pneumatici ottimale consentirà all’auto di essere più efficiente in strada.