app-immuni

A partire da oggi 1 Giugno, la tanto discussa App Immuni, finalizzata a evitare il più possibile i contatti da Covid-19, è disponibile gratuitamente negli store di Google e Apple. Ha dato infatti, proprio oggi, il consenso, il Garante per la Privacy. Lo sviluppo dell’applicazione rispetta tutte le normative Italiane ed Europee che riguardano la tutela della privacy. Vi spieghiamo in breve come funziona e per quale motivo non bisogna temere il tracciamento o la violazione della riservatezza.

App Immuni: nessun rischio di violazione della privacy

Coloro che scaricheranno adesso questa app, saranno in grado di risalire a eventuali contatti che possono aver esposto la persona a un possibile contagio. A partire da lunedì 8 Giugno, i servizi sanitari delle varie Regioni saranno in grado di attivare gli avvisi dell’app e le prime regioni a iniziare saranno: Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia.

Scaricare questa app è importante per poter ricevere in tempo reale le notifiche su eventuali contatti con persone esposte al virus. La ragione per cui non c’è nulla da temere sulla violazione è che rispetta tutte le normative che riguardano la protezione di riservatezza, pertanto:

  • Non raccoglie dati come nome, cognome, indirizzo, data di nascita o recapiti di alcun tipo;
  • Non è in grado di risalire all’identità di nessuno degli utenti che ne fanno uso;
  • Lo spostamento personale tramite GPS, non è tracciabile, né localizzabile;
  • I dati presenti in ogni smartphone sono cifrati, pertanto non è in grado di accedervi;
  • Le informazioni che raccoglie sono conservate sul server in Italia e i soggetti pubblici che le gestiscono sono controllati dal Ministero della Salute;
  • Tutte queste informazioni verranno eliminate una volta che non saranno più necessarie e comunque, entro e non oltre il 31 dicembre 2020.
  • La provincia di domicilio, il corretto funzionamento dell’app e informare se siete stati avvertiti di un contatto a rischio, sono le sole cose che Immuni invia al server del Ministero.

Ci auguriamo che questi chiarimenti possano rassicurare coloro che temevano un pericolo nello scaricare Immuni. Scaricarla significa contribuire attivamente alla tutela personale e di tutti coloro che abbiamo intorno. Se doveste entrare in contatto con soggetti positivi al tampone, riceverete una notifica dall’app. Se dovesse accadere, rivolgetevi tempestivamente a vostro medico generico e riceverete tutte le indicazioni su come agire.

Nel momento in cui le ASL e le varie strutture sanitarie riscontrano un caso positivo, inseriscono un codice nel sistema dietro consenso del soggetto stesso. Grazie a questo è possibile per l’app inviare notifiche a tutti gli utenti che in qualche modo hanno avuto contatto stretto con questo soggetto.

Vi ricordiamo ancora una volta l’importanza di mantenere le distanze, di lavarsi le mani, indossare le mascherine e utilizzare tutte le prassi comportamentali consigliate per questo periodo. Per qualunque altro chiarimento, potete visitare il sito apposito a questo link e scaricare l’app per Android, Apple e Huawei.