bitcoinIl famigerato inventore del bitcoin, Satoshi Nakamoto, che non ha ancora rivelato la propria identità, si vocifera che abbia accumulato bitcoin dal valore di circa 400,000 dollari.

Il Bitcoin è la prima criptovaluta decentralizzata – una valuta digitale generata, o “estratta”, grazie ad un computer che risolve un problema matematico complesso – ed è stata inventata dopo che Nakamoto ha scritto un libro sull’argomento. Ogni criptovaluta può essere monitorata online con un sistema chiamato blockchain. Il 20 maggio, un tweet di un conto che traccia le transazioni in criptovaluta ha suggerito che 40 bitcoin ($ 391.055) sono stati trasferiti da un conto inattivo dal 2009. “Le monete in questa transazione sono state estratte nel primo mese di esistenza del Bitcoin”. Cresciuta rapidamente la speculazione che i fondi potessero appartenere a uno dei fondatori.

Presunto fondatore del bitcoin ha spostato le sue monete per un totale di 400,000 dollari, trattasi per ora di speculazioni

Il conto, che ha generato le monete il 9 febbraio 2009 quando valevano zero dollari, le ha poi spostate il 20 maggio 2020. Secondo quanto riferito, è la prima volta dall’agosto 2017 che qualcuno ha speso monete risalenti all’inizio del 2009. Tuttavia, mentre l’età delle monete suggerisce che possa essere il conto di Satoshi, molti hanno forti dubbi a riguardo. Jameson Lopp dichiara: “Dovete migliorare le vostre analisi”, smentendo quindi la notizia.

Ci sono tecniche ben precise per stabilire a chi appartenga un blocco di bitcoin. Ed è proprio grazie ad alcune verifiche che sembra improbabile si tratti di Satoshi. Il motivo per cui rilevare i movimenti di Satoshi è così interessante per la comunità della criptovaluta non è solo per scoprire la sua vera identità ma anche per le voci su quasi tutti i blocchi non spesi che corrispondono a circa 7 miliardi di dollari.

Craig Wright, imprenditore australiano, ha più volte dichiarato di essere lui l’inventore del bitcoin, ma sono controversi i pareri a riguardo. Non tutti credono alla buona fede e alle dichiarazioni di Wright. I documenti da lui forniti per provare quanto dichiarato non sono affidabili. Tra l’altro, non gioca a suo favore che abbia falsificato firme e contratti per appropriarsi del bitcoin del suo partner commerciale Dave Kleiman.