blankGoogle Microsoft e Amazon stanno fornendo dei servizi web essenziali a 13 delle più controverse società di sorveglianza del mondo. Tra queste società, otto sono nella lista nera degli Stati Uniti perché violano i diritti umani.

Le società nella cosiddetta “Entity List” dell’Ufficio dell’Industria e della Sicurezza del governo degli Stati Uniti sono accusate di “violazioni dei diritti umani. Oltre alle accuse di abusi nell’attuazione della campagna di repressione cinese. Inoltre, detenzione arbitraria di massa di alta tecnologia di sorveglianza contro gli uiguri, i kazaki e altri membri dei gruppi minoritari”.

Google fornisce servizi a società tra cui Ntech Labs e Clearview, nonché il supporto CDN a Hikvision. Ntech Labs è una tecnologia di riconoscimento facciale russa che alimenta le circa 150.000 telecamere a circuito chiuso di Mosca. La Russia ha una storia discutibile con la tecnologia, comprese le critiche sulle riprese della CCTV nascoste per oscurare i crimini politici. Clearview è un servizio di riconoscimento facciale simile e ha violato i termini previsti per costruire il suo database. Pare che Hikvision abbia invece venduto alle autorità cinesi 1.000 telecamere per il riconoscimento facciale da collocare nelle moschee dello Xinjiang. Lo scopo è monitorare gli uiguri.

Aziende bannate dagli USA per le loro pratiche controverse, ma Google, Microsoft e Amazon continuano a fornire i loro servizi

Amazon è il fornitore di servizi di web hosting sia per Hikvision che per Dahua Technology, società menzionata in una lettera ai consiglieri del presidente Trump, in cui si afferma che potrebbe essere di aiuto in “crimini contro l’umanità”, sebbene la società neghi. Amazon ospita anche il gruppo NSO, un fornitore di spyware proveniente da Israele che è stato più volte criticato per il suo coinvolgimento nello spionaggio dei lavoratori, nell’hacking tramite WhatsApp e attualmente sta mappando i casi di coronavirus.

Microsoft offre le funzionalità di web hosting e supporto e-mail per Ntech Labs, oltre a consentire a SenseTime di ospitare e-mail nel suo servizio di cloud computing di Azure. Si è scoperto che Sensetime fornisce le attrezzature ai funzionari dello Xinjiang. “La nostra ricerca mostra che Google, Amazon e Microsoft continuano ad aiutare alcune delle aziende tecnologiche più controverse del mondo. Molte delle società nel nostro rapporto hanno affrontato gravi accuse di violazioni dei diritti umani. Sono note per aver venduto la loro tecnologia di sorveglianza invasiva ai regimi autoritari in tutto il mondo”, ha detto Samuel Woodhams, coautore del rapporto.