FIsco

È cosa assolutamente risaputa che nel mondo esistono davvero una lista infinita di persone che cercando sempre di farla franca e di evadere le tasse. Molto spesso però si trovano a fare i conti con una dura realtà, ovvero che il Fisco non si dimentica facilmente di loro. Anche se hai commesso eventualmente un errore nella dichiarazione dei redditi, o hai direttamente omesso la presentazione della stessa, noi ti consiglieremo di non stare proprio sereno. È davvero quasi inutile sperare che l’Agenzia delle Entrate abbia preso una svista e non si sia accorta di quello che stiamo facendo. Soprattutto nel caso in cui non state ricevendo delle segnalazioni.

 

 

Il Fisco può controllarti per molto tempo, anche senza segnalarti nulla

Il Fisco ti può controllare per parecchio tempo. Perché? Perché mira ad individuare i possibili evasori fiscali e operazioni di riciclaggio. Quindi qualsiasi volta che c’è un dubbio intorno alla dichiarazione dei redditi, il Fisco andrà subito a controllare. Inoltre c’è da stare attenti quando la dichiarazione non viene presentata, potreste cacciarvi in un guaio davvero grande: l’omessa dichiarazione, che inizialmente può essere una sanzione amministrativa, può diventare una sanzione penale se l’evasione supera una somma annuale prestabilita.

I controlli sono retroattivi vero, ma possono anche decadere ad un certo punto. Dopo questo ultimo termine, non sono più legittimi. Per quanto riguarda le tempistiche, il controllo varia dai 5 ai 7 anni.

Il Fisco però degli errori li può commettere. L’Agenzia potrebbe commettere degli errori che potrebbero andare a scapito del contribuente. Questo può accadere ad esempio quando la cartella di notifica al cliente arriva con netto ritardo.