blank

A quanto pare è arrivato il momento di una rivoluzione anche nel campo delle forze armate antisommossa, le quali generalmente usano proiettili di gomma e manganelli per sedare manifestazioni violente e che costituiscono un pericolo per i cittadini.

Molto presto però, se il progetto procederà come da programma, potremmo dire addio alle comuni armi antisommossa, ritenute da molti troppo violente e inadeguate, infatti una pistola a microonde potrebbe presto sostituirle anche se divide radicalmente gli animi per le possibili controversie legate ai rischi, vediamo insieme di dettagli.

Una pistola futuristica che divide gli animi

La nuova arma futuristica potrebbe presto equipaggiare le forze americane occupate a sedare le folle violente, costituendo un nuovo mezzo di dispersione meno violento e decisamente più efficace.

Questa nuova pistola a microonde baserebbe il suo funzionamento sull’emissione di onde che, colpendo il cranio (le ossa) genererebbe un forte senso di irritazione sonora e alto volume, creando quindi un piccolo stato di disorientamento sonoro utile a disperdere e rendere inoffensive le folle.

Ovviamente la prima domanda che sorge spontanea riguarda la sicurezza per la salute di chi subisce tali onde, dal momento che non ci sono ancora studi in merito la loro sicurezza in caso di un uso attenuato e controllato.

I ricercatori sono scettici, dal momento che parliamo non di onde sonore, bensì di microonde, infatti la loro più grande paura riguarda la possibilità di creare danni neurologici.

Non rimane dunque che attendere e vedere l’esito che daranno i vari test, sperando ovviamente si opti per la scelta più umana e votata alla non violenza, la quale non è mai giustificabile.