carta identità elettronicaLe novità inerenti la gestione dei documenti sotto forma di Carta di identità Elettronica sono importanti per tutti noi italiani. Nel corso degli ultimi mesi le amministrazioni comunali si sono prodigate a garantire la concessione del nuovo formato plastico in sostituzione del classico supporto cartaceo che imponeva parecchi limiti.

La cosiddetta versione 3.0 della CIE consente di accedere a numerosi servizi mantenendo intatte le sue caratteristiche nel tempo in quanto a deperibilità per esposizione ad agenti che discriminano la sua integrità. In poche parole è più conveniente del formato cartaceo sotto molti punti di vista con in prima linea l’integrità, visto che si tratta comunque di un supporto che resiste been all’usura.

Sul piano dei servizi rappresenta quanto di più completo si possa trovare in quanto offre l’opportunità di creare un profilo SPID per l’accesso ai profili di pubblico servizio. Qualche perplessità potrebbe vertere in tema sicurezza e proprio per questo si è accesa una questione in merito al profilo di gestione dati che verrà trattato più avanti in questo post.

 

Carta di identità Elettronica: caratteristiche e limitazioni del nuovo documento

A farsi carico della realizzazione dell’evoluto supporto di riconoscimento è la Zecca dello Stato che conta di garantire la creazione di nuovi documenti all-in-one per milioni di italiani ancora in possesso della versione con foto tessera e stampa su carta.

Grazie a tale invenzione l’utente potrà identificarsi ora tramite il proprio supporto senza utilizzare alcun dispositivo esterno per la lettura dei dati. Lo stesso avverrà più comodamente tramite smartphone dopo il download dell’app gratuita “CIE ID”, già disponibile per il sistema operativo Android e sui sistemi iOS.

Per quanto riguarda la privacy non c’è nulla da temere in quanto la rete che conserva i dati (ivi comprese le impronte digitali) è centralizzata del database segreto che non condivide dati con altre amministrazioni separate. Si tratta di un supporto assai versatile che ben si applica a questo periodo di quarantena in cui il distanziamento sociale ha avuto la meglio. Conferisce una soluzione adeguata per l’interazione a distanza con tutti i servizi della Pubblica Amministrazione. In una nota si legge che:

“le pratiche di rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione vengono efficacemente semplificate attraverso il meccanismo dell’identità digitale“.