radiazioniRadiazioni e smartphone, entriamo nel dettaglio di un argomento divenuto con il tempo decisamente spinoso, proprio perché la comunità medica ha effettivamente certificato una possibile correlazione tra l’insorgere di malattie nell’organismo, e proprio l’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche.

Un’ente tedesco ha stilato un interessante elenco dei modelli di smartphone attualmente in commercio che presentano un livello SAR particolarmente elevato. Questi è l’acronimo di tasso d’assorbimento specifico, corrisponde esattamente al quantitativo di radiazioni assorbite dal corpo umano per unità di chilogrammo.

Le differenze però tra un modello e l’altro sono davvero minime, non preoccupatevi, l’Unione Europea ha imposto un limite massimo di 2 W/Kg a tutti i dispositivi commercializzabili sul territorio, di conseguenza parlare di 1,8, piuttosto che 1W/kg non porta alcun beneficio all’organismo stesso. Il consiglio è comunque sempre di prestare particolare attenzione al tempo di esposizione alle radiazioni, seguite sempre attentamente il vademecum onde evitare spiacevoli risvolti futuri.

Statista ha comunque pubblicato l’elenco dettagliato, aggiornato a Gennaio 2020, dei terminali attualmente disponibili in commercio con il SAR più elevato.

 

Radiazioni e smartphone: questi sono i modelli più a rischio

  • Xiaomi Black Shark 2: SAR 1.92 W/Kg
  • Sony Xperia XA2 Plus: SAR 1.9 W/Kg
  • Xiaomi Mi A1: SAR 1,75 W/kg;
  • OnePlus 5T: SAR 1,68 W/kg;
  • Xiaomi Mi Max 3: SAR 1,58 W/kg;
  • OnePlus 6T: SAR 1,55 W/kg;
  • Honor 8: SAR 1,5 W/kg;
  • Huawei P9 Plus: SAR 1,48 W/kg;
  • Motorola Moto Z2 Play: SAR 1,455 W/kg;
  • Huawei P9: SAR 1,43 W/kg;
  • iPhone 7: SAR 1,38 W/kg;
  • iPhone 8: SAR 1.32 W/Kg.
  • Honor 5C: SAR 1,14 W/kg
  • Sony Xperia X Compact: SAR 1,08 W/kg

Come specificato in precedenza, che siate in possesso dello Xiaomi Black Shark 2 o del Sony Xperia X Compact cambia davvero poco, limitate sempre al massimo l’esposizione.