fixed wireless access

Il Fixed Wireless Access (FWA), anche detto comunemente “wireless fisso”,è stato messo a punto dai principali fornitori di connessione dati per sviluppare la banda larga e ultra larga, dove le normali connessioni in fibra ottica o ADSL stentano ad arrivare. Si sa che molti gestori non installano armadi per le connessioni di rete se riscontrano difficoltà tecniche e scarsa convenienza economica. Ma con FWA potrebbe cambiare tutto e l’Italia potrà abbattere il “digital divide”. 

Questo tipo di connessione ha successo in zone isolate per il fatto che i dati viaggiano attraverso le onde radio, simulando in parte la tecnologia broadband del 3G/4G nei cellulari. Dunque il segnale viene trasportato da ponti radio e ripetitori fino all’incontro con la prima centrale utile dotata di fibra fisica che è a sua volta connessa a una dorsale Internet.

 

Cos’è e come funziona la connessione Fixed Wireless Access

In questo modo l’utente con connessione fixed wireless access naviga su Internet come avesse una normale rete gestita dal router Wi-Fi, e tale tecnologia è compatibile con gli smartphone di ultima generazione che possono a loro volta accedere alla rete alla massima velocità senza passare dal router. 

Tramite le onde radio si possono raggiungere i comuni non ancora coperti dal servizio fisso e portare la banda larga fino a 100 Mbit teorici, ben oltre gli standard offerti dal vecchio ADSL. L’unico neo di questa tecnologia è il segnale radio, il quale può venire disturbati da diversi fattori, non ultimo il maltempo. Ma le ricerche effettuate sugli apparati stanno dando risultati incoraggianti nel mantenere il segnale stabile anche in condizioni difficili. 

In conclusione, è palese che la fibra ottica con tecnologia FTTH è la connessione di rete più veloce di tutte, ma se abitate in un comune dove la posa dei cavi ottici non avverrà mai allora il Fixed Wireless Access è la soluzione. Da tenere d’occhio è Vodafone, uno dei gestori che sta investendo di più nel FWA.