Twitter: le dichiarazioni fuorvianti sul COVID-19 saranno etichettate

Twitter ha preso visione dei numerosi contenuti fuorvianti che riguardano il COVID-19, per questo motivo ha deciso di entrare in azione per limitarli o eliminarli

twitter

C’è ancora molto che non sappiamo con certezza sul COVID-19, e le informazioni errate sulla malattia sono ancora prevalenti. Per chiarire ciò che è vero, Twitter inizierà ad applicare etichette e messaggi di avviso ai tweet relativi al Coronavirus contenenti “informazioni contestate o fuorvianti“. Questa è un’espansione di un aggiornamento della policy di marzo mirato alle bufale sul Coronavirus.

A febbraio Twitter ha introdotto nuove misure per contrastare i deepfake e i contenuti manipolati, inclusa un’etichetta che sta applicando ai tweet che includono media manipolati. A partire da oggi, vedrai etichette simili su alcuni tweet con su scritto “informazioni potenzialmente dannose e fuorvianti relative al COVID-19“, hanno scritto il responsabile dell’integrità del sito Yoel Roth e il direttore della strategia politica Nick Pickles in un post sul blog.

Un esempio di un'etichetta su un tweet che rimanda a informazioni verificate su COVID-19.

 

Twitter: i contenuti fuorvianti saranno automaticamente eliminati

Twitter può anche applicare un avviso a tali tweet che includono affermazioni potenzialmente dannose o fuorvianti. Prima di poter visualizzare tali tweet, è necessario fare clic o toccare un avviso in cui si nota che “è in conflitto con le indicazioni degli esperti di salute pubblica in merito al COVID-19“.

Un esempio di avvertimento sulla disinformazione di COVID-19 su un tweet.

A partire da ora, Twitter agirà sui tweet relativi al Coronavirus in base a tre criteri: affermazioni che gli esperti in materia hanno dimostrato di essere false o fuorvianti, affermazioni contestate e richieste non verificate. Detto questo, la società rimuoverà sicuramente i tweet che includono informazioni gravemente fuorvianti.

Twitter sta monitorando i tweet relativi al COVID-19 utilizzando i suoi sistemi interni, che “aiutano a garantire che non stiamo amplificando i tweet con questi avvisi o etichette e rilevando rapidamente i contenuti ad alta visibilità“, hanno scritto Roth e Pickles. I partner di fiducia dell’azienda sono anche aiutando a identificare i tweet che “rischiano di provocare danni offline“.