Banche italiane: il vostro conto può essere chiuso anche senza permesso

Uno degli aspetti a cui gli utenti in genere fanno più attenzione, è il proprio conto bancario. Sono tante le banche italiane che permettono soluzioni vantaggiose al giorno d’oggi, soprattutto per coloro che vogliono aprire un conto corrente. Bisogna comunque tenere tutto sotto controllo e far sì che non ci siano problemi di nessuna natura. Gli istituti bancari infatti possono provvedere a qualsiasi tipo di decisione anche in maniera autonoma, come ad esempio quella di chiudere un conto corrente all’improvviso. 

In questo caso si tratterebbe di una chiusura forzata del profilo economico, la quale sarebbe disposta da un contratto di tipo bilaterale. Chi si preoccupa dunque ne ha ben donde, dal momento che il tutto è stato confermato dalle valutazioni elaborate dal ministro Siri, successivamente ad un accurato confronto con il sottosegretario del Ministero dell’Economia Alessio Mattia Villarosa. Intesa ed UniCredit ad esempio sono solo alcune delle banche italiane che avrebbero agito contro l’interesse dei consumatori in più riprese. Questi istituti bancari hanno scelto infatti di disporre in maniera unilaterale la chiusura di diversi conti correnti bancari con gravi conseguenze per gli utenti.

 

Banche italiane: il vostro conto corrente può essere chiuso in qualsiasi momento

In seguito ad alcuni accertamenti finanziari, le banche possono prendere delle decisioni direttamente con l’aiuto delle autorità tributarie competenti. Da qui può dunque derivare una decisione drastica quale la chiusura del conto corrente bancario senza il consenso del proprietario.

In questi casi quindi la banca può esercitare il diritto di ripensamento in merito al contratto a carico del cliente, e tutto per un rilevato reato finanziario.