Canone Rai

Nuove email hanno fatto capolinea sulle caselle postali di migliaia di cittadini e tutte riguardanti un analogo oggetto: il Canone Rai. Configurata come una delle imposte più odiate di sempre, il canone per la televisione è da sempre oggetto di battibecchi e azioni mirate ad un unico obiettivo: la sua abrogazione… Ciononostante negli anni ben poco è cambiato e anzi, ad oggi lo stesso non offre nessuna via di fuga con il suo inserimento diretto in bolletta.

Visto il clima di repressione nei confronti del Canone Rai e vista l’emergenza sanitaria attualmente in regressione, a pensare bene di combinare le due cose vi sono i cybercriminali, i quali hanno rinnovato una truffa di tutto rispetto andando ad illudere migliaia di cittadini.

Canone Rai: l’abrogazione è una diceria e i rimborsi sono solo una truffa

Approdati sulle email della popolazione con l’annuncio dell’imminente abrogazione o sospensione del Canone Rai, i cybercriminali sono stati ancor più meschini andando a invogliare la curiosità dei cittadini grazie a degli apparenti rimborsi.

Promessi a tutti coloro in grado di farne richiesta ad un sito, chiaramente falso, dell’Agenzia delle Entrate posto in luce da un collegamento ipertestuale, questi ultimi sarebbero giunti anche per alleviare le sorti di milioni di famiglie attualmente in difficoltà.

Senza scrupoli o rancori, dunque, questa truffa non ha che un obiettivo: appropriarsi di dati altrui e ove possibile svaligiare i conti correnti o postali senza lasciare minima traccia. Attenzione, dunque, alle email che si ricevono: il phishing è un pericolo consistente e che non scade mai.